Quotidiano di informazione campano

OSSERVAZIONI E RICHIESTA DI DOMENICO SAVIO E DEL P.C.I.M-L. ALLA REGIONE CAMPANIA DI NON

DOMENICO SAVIO PER RADIO PIAZZA NEWS

0

Oggetto: Regione Campania – Giunta Regionale –Assessorato ai Trasporti e Viabilità – Dipartimento delle Politiche Territoriali – Direzione Generale per la Mobilità – Unità Operativa Dirigenziale 53 07 05. Porto di Forio (Na) – Pubblicazione avviso – Istanza presentata dal Comune di Forio (Na) per l’affidamento attività ex art. 45 bis Codice della Navigazione della concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020, alla società Marina del Raggio Verde s.r.l. e sino alla stessa data del 31 dicembre 2020. OSSERVAZIONI E RICHIESTA ALLA REGIONE CAMPANIA di non concedere al Comune di Forio l’autorizzazione prevista dall’art.45 bis del codice della navigazione per l’affidamento della concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020, alla società Marina del Raggio Verde s.r.l. e sino alla stessa data del 31 dicembre 2020.

Il sottoscritto Domenico Savio, nato a Forio (NA) il 16 febbraio 1940 e ivi residente in via Provinciale Panza n. 37, in qualità di Segretario generale e di Consigliere comunale di minoranza del Comune di Forio del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista (P.C.I.M-L.),

PREMESSO – che il Porto di Forio, da destinare alle attività pescherecce, commerciali e turistiche, a partire dagli anni ’60 del secolo scorso è stato realizzato coi soldi della collettività per oltre 10 milioni di euro per promuovere lo sviluppo strutturale – come edilizia scolastica, edilizia economica e popolare, risanamento dei quartieri baraccati, viabilità, mercati, pulizia del territorio, disinquinamento, rete fognaria, verde pubblico, miglioramento dei centri storici, eccetera -, economico, civile e sociale del paese; – che la gestione privata del Porto sino al 2010 e quella successiva affidata alla società Marina del Raggio Verde S.r.l. e per essa al socio privato della stessa società Marina di Forio s.r.l. ha clamorosamente disatteso le aspettative di sviluppo sociale del popolo di Forio e vanificato, sino a questo momento, i suoi sforzi economici, in quanto nei cinque anni trascorsi: A) la società Marina del Raggio Verde s.r.l. sino al 31 dicembre 2014 ha chiuso i suoi bilanci in perdita o con utili inconsistenti; l’occupazione sarebbe passata dalle 18 unità del 2012 alle 6/8 del 2015 e queste ultime non sarebbero state più assunte nel rispetto della precedente selezione pubblica, ma con chiamata diretta e personale; al 31 dicembre 2015 doveva ancora versare al Comune una differenza per oneri concessori di euro 107.592,00 che non avrebbe ancora versato; B) la società Marina di Forio s.r.l., socio privato della società Marina del Raggio Verde s.r.l. col 49% del capitale societario, a cui è affidata la gestione operativa del Porto, con riferimento all’investimento contrattuale di euro 2.556.438,35 che avrebbe dovuto effettuare per la realizzazione del 1° lotto delle infrastrutture portuali i lavori effettivamente realizzati dal bilancio al 31.12.2014 risultano essere pari ad euro 1.341.618,36 e per tale solo parziale investimento nulla sarebbe stato ancora restituito al socio privato e non risultato distribuiti utili di esercizio;

CONSIDERATO che il socio privato Marina di Forio s.r.l. ha già chiesto, sin dal 31 maggio 2013, al Comune di Forio e al suo stesso socio di maggioranza Marina del Raggio Verde s.r.l. un allarmante riconoscimento, instaurando di fatto un contenzioso, di un danno di euro 2.056.619,00 per “rilevanti oneri imprevisti ed imprevedibili al momento dell’offerta di gara con la conseguente ridotta produttività ed anomale condotta della gestione” e che tale richiesta, associata alla prevalenza delle perdite, euro 236.128,00=, sugli utili, euro 13.695,00=, risultanti dai bilanci dal 2011 al 2014, ingenera la preoccupazione che la società mista Marina del Raggio Verde s.r.l. possa nei prossimi anni fare la stessa fine della società mista Pegaso s.p.a. fallita e di quella pubblica Torre Saracena s.p.a. in liquidazione, che hanno indebitato il Comune per una cifra milionaria spaventosa e ancora da definire e che i Foriani saranno chiamati a pagare;

RICHIAMATA l’attenzione della Regione Campania sul fatto che l’Amministrazione comunale di Forio pur di ottenere dalla stessa Regione la proroga dell’affidamento ex art. 45 bis del Codice della Navigazione col rinnovo della concessione [autorizzazione] n.70 del 2012 sino al 31 dicembre 2020 sostiene, a pagina 4 punto c) del riscontro comunale protocollo n.1637 del 20 gennaio 2016 alla nota regionale prot. 2015.0905907 del 30 dicembre 2015, che “non perimetra – in termini di spazio, di tempo e di efficacia – la validità della procedura ad evidenza pubblica indetta per rendere operativa la società di gestione della concessione demaniale per tutta la durata della stessa e fino al suo scioglimento (31.12.2052) secondo il piano di gestione presentato. Piuttosto, ed al fine di esitare il quesito sottoposto, l’attenzione sarebbe dovuta essere appuntata sul Piano di Gestione attraverso cui il socio operativo ha espresso la propria “visione” circa la gestione del servizio diportistico per tutta la durata della società ed al fine di perseguire l’interesse pubblico (cfr. Piano di Gestione). Detto in estrema sintesi, dunque, il rispetto delle regole dell’evidenza pubblica risulta soddisfatto in ragione della selezione del soggetto privato che ha dimostrato di assicurare il migliore sfruttamento del bene demaniale (piano di gestione) secondo le modalità operative prescelte dall’amministrazione (società mista) e per tutta la durata della società stessa (31.12.2052”. Ciò significa che per l’Amministrazione comunale di Forio in carica la società Marina del Raggio Verde s.r.l. e il suo socio privato società Marina di Forio s.r.l. potrebbero gestire l’attività di ormeggio natanti ed imbarcazioni e delle aree prospicienti del Porto sino al 31 dicembre 2052? Visto gli esiti negativi della gestione in atto ciò costituirebbe una vera sciagura economica e sociale per la Collettività foriana. D’altronde la gestione privatistica dei beni pubblici si è dimostrata ovunque sempre positiva per gli interessi privati e negativa per quelli collettivi. Di conseguenza il sottoscritto e il P.C.I.M-L. sono seriamente preoccupati per l’eventuale concessione da parte della Regione Campania dell’autorizzazione richiesta dal Comune di Forio e prevista dall’art. 45 bis del codice della navigazione, che costituirebbe un precedente favorevole per altre probabili future autorizzazioni;

RILEVATO che al Consiglio comunale di Forio, come richiesto dalla Regione Campania con nota protocollo 2016 0064454 del 29 gennaio 2016, non è stata data dall’Amministrazione comunale la possibilità di approvare un atto di indirizzo politico-amministrativo in ordine alla prosecuzione sino al 31 dicembre 2020 dell’affidamento ex art. 45 bis del codice della navigazione alla società Marina del Raggio Verde s.r.l.;

VALUTATA – alla luce dell’evidente fallimento gestionale della concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020, da parte della società Marina del Raggio Verde s.r.l. – incomprensibile e inspiegabile l’insistenza con cui l’Amministrazione comunale sin dal 28 marzo 2013, protocollo comunale n.10440, ha chiesto la proroga dell’autorizzazione n.70 del 31 luglio 2012, Rep. 743, ex art. 45 bis codice navigazione alla società Marina del Raggio Verde s.r.l. sino al 31 dicembre 2020 e la decisione della Regione Campania di avviare il procedimento per tale richiesta autorizzazione;

LETTO quanto sancito dalla scrittura privata del 24 febbraio 2011 tra il Comune di Forio e la società Marina del Reggio Verde s.r.l., depositata agli atti del Notaio Luigi Mauro di Napoli e registrata a NA/1 il 25-2-2011 al n. 4781, “Al termine del contratto di sub-concessione ovvero in tutti i casi di anticipata cessazione del rapporto, tutte le opere realizzate dalla Marina del Raggio Verde Srl così come gli accessori, le pertinenze fisse ed in buono stato di manutenzione resteranno di esclusiva proprietà dell’Amministrazione Comunale senza che alla Marina del Raggio Verde Srl spetti alcun indennizzo, compenso o rimborso di sorta. In tutti i casi di cessazione del rapporto prima della scadenza contrattuale le opere realizzate dalla Marina del Raggio Verde Srl saranno acquisite dal Comune senza che la Società possa vantare alcuna pretesa o indennizzo neppure da quest’ultimo”. Ciò significa che se il Comune decidesse di gestire in proprio e direttamente il Porto avrebbe già le strutture per poterlo fare;

CONSIDERATO anche che prima di ogni decisione da parte della Regione Campania deve essere verificato il mantenimento contrattuale, da parte della società Marina del Raggio Verde s.r.l., dei fondali del porto alle quote di progetto;

VISTO che la società Marina del Raggio Verde s.r.l. risulta inadempiente verso il Comune: a) per il mancato completamento dell’investimento di euro 2.556.438,35 da parte del socio privato di minoranza società Marina di Forio s.r.l. per completare i lavori relativi al 1° lotto e che, a norma dell’art. 7 del contratto – Clausola risolutiva espressa, penali – l’Amministrazione comunale, da quanto ci risulta, non ha provveduto a contestare tale inadempienza, che avrebbe potuto portare anche alla risoluzione anticipata del rapporto di sub-affidamento; b) perché deve ancora versare al Comune la differenza di oneri concessori di euro 107.592,00=;

RITENUTO che il Comune di Forio con le proprie risorse professionali, per quanto attiene agli incassi, e affidando in concessione con gara singole attività lavorative – che, comunque, dovranno svolgersi alle dirette dipendenze del direttore generale nominato dal Comune – possa gestire direttamente e in proprio sin da subito le attività di ormeggio natanti ed imbarcazioni e delle aree prospicienti del Porto;

RITENUTO ancora che nessuna iniziativa politica e istituzionale vada risparmiata per realizzare, attraverso la gestione diretta e in proprio del Porto da parte del Comune, le risorse necessarie utili a promuovere, finalmente, lo sviluppo strutturale, economico, sociale e civile di Forio,

OSSERVATO QUANTO SOPRA

CHIEDE

ALLA REGIONE CAMPANIA, GIUNTA REGIONALE, ASSESSORATO AI TRASPORTI E VIABILITÀ, DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE TERRITORIALI, DIREZIONE GENERALE PER LA MOBILITÀ E UNITÀ OPERATIVA DIRIGENZIALE 53 07 05:

  1. di non concedere, per le ragioni sopra esposte e che qui si intendono integralmente riportate, l’autorizzazione al Comune di Forio prevista dall’art. 45 bis del codice della navigazione per l’affidamento della concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020, alla società Marina del Raggio Verde s.r.l. e sino alla stessa data del 31 dicembre 2020. 2. di favorire la gestione diretta e in proprio da parte del Comune di Forio delle attività di ormeggio natanti ed imbarcazioni e delle aree prospicienti del Porto, di cui alla concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020, utilizzando le proprie risorse professionali, per quanto attiene agli incassi, e affidando in concessione con gara singole attività lavorative, che, comunque, dovranno svolgersi alle dirette dipendenze del direttore generale nominato dal Comune;

E ALLE ALTRE SUPERIORI AUTORITA’ DI CONTROLLO ISTITUZIONALE, a cui la presente viene inviata per conoscenza, Ognuna per le proprie specifiche competenze istituzionali e qualora Esse riscontrassero nella presente i necessari presupposti legislativi, regolamentari, contabili e di interesse sociale per intervenire, di verificare che l’eventuale autorizzazione rilasciata dalla Regione Campania al Comune di Forio ex art. 45 bis del codice della navigazione per l’affidamento della concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020, alla società Marina del Raggio Verde s.r.l. e sino alla stessa data del 31 dicembre 2020, sia legittimata:

1.1 – dal bando di gara per la selezione del soggetto imprenditore-socio privato di minoranza della società Marina del Raggio Verde s.r.l., Unipersonale, affidataria, ai sensi dell’art. 45 bis del codice della navigazione, della concessione demaniale marittima n. 135/2008, integrata e modificata dalle concessioni demaniali marittime n. 15 e 96 del 2010 e n. 50 del 2015, con validità sino 31 dicembre 2020; 1.2 – dal rispetto delle norme contrattuali sottoscritte tra il Comune di Forio e la società Marina del Raggio Verde s.r.l., anche in riferimento a quanto sostenuto nella corrispondenza intercorsa tra il Comune di Forio e la Regione Campania in seguito all’istanza presentata dallo stesso Comune sin dal 28 marzo 2013 e sino ai giorni nostri per il rinnovo dell’autorizzazione prevista dall’art. 45 bis del codice della navigazione; 1.3 – dalla gestione effettuata dal 2011 ad oggi delle attività di ormeggio natanti ed imbarcazioni e delle aree prospicienti del Porto di Forio svolta dalla società Marina di Forio s.r.l., socio privato della società Marina del Raggio Verde s.r.l..

Il sottoscritto, nel dichiararsi disponibile per ogni eventuale ulteriore chiarimento, resta in attesa di conoscere, possibilmente e cortesemente, le iniziative che dovessero essere assunte in riferimento alla presente e i loro esiti. Distinti saluti. Forio, 28 marzo 2016. Domenico Savio, Segretario generale e Consigliere comunale di minoranza del Comune di Forio del P.C.I.M-L.

 

;

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.