Quotidiano di informazione campano

Due medici cinesi contagiati dal virus si risvegliano con la pelle scura

un articolo pubblicato dalla Republica non siamo noi i pazzi.La strana storia di Yi Fan e Hu Weifeng raccontata dalla tv di Stato cinese. La pigmentazione alterata dipende da problemi di funzionamento del fegato ed è un effetto collaterale possibile di uno dei farmaci con cui è stato trattato il virus

ROMA – Due medici cinesi del Wuhan Central Hospital, contagiati dal coronavirus e gravemente ammalati per il Covid, si sono risvegliati in rianimazione con la pelle di un colore più scuro del normale. Lo strano effetto collaterale dei farmaci utilizzati contro il Sars-Cov-2 è raccontato da un servizio della tv Ccvt e ripreso dal Daily Mail.

Il dottor Yi Fan e Hu Weifeng, 42 anni entrambi, si sono svegliati dopo oltre un mese in terapia intensiva. La diversa pigmentazione della pelle è una conseguenza dell’utilizzo di un farmaco con cui è stata trattata la malattia e del malfunzionamento del fegato.

Due medici cinesi contagiati dal virus si risvegliano con la pelle scura

Secondo i medici, la pigmentazione tornerà normale appena il fegato riprenderà le sue normali funzionalità.

Yi e Hu lavoravano all’ospedale di Wuhan quando è scoppiata l’epidemia. Il 18 gennaio sono risultati positivi e sono peggiorati molto velocemente. Il dottor Yi è stato attaccato a un macchinario per 39 giorni, ma ora si è ripreso ed è in un reparto non di terapia intensiva. Le condizioni del dottor Hu sono state ancora più gravi e ancora non è guarito del tutto, ma dopo 45 giorni attaccato alle macchine è tornato a parlare, ma è ancora in terapia intensiva.


Coronavirus, il punto sulla pandemia

informazioni aggiornate al 22 aprile 2020

· Aggiornamenti e ultime notizie · I dati

Il coronavirus Sars-Cov-2 e la malattia che scatena, il Covid-19, fanno ancora centinaia di vittime al giorno in Italia e migliaia nel mondo. Ma la diffusione del virus ha rallentato e si pianifica – in Italia come all’estero – la fase 2, la ripartenza. Si studiano i modi migliori per evitare una recrudescenze dell’infezione che dopo settimane di lockdown si è riusciti a frenare, a costi economici enormi. Cosa ci aspetta nei prossimi mesi, in attesa di un vaccino, ce lo diranno le misure che in questi giorni il governo sta approntando.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.