Quotidiano di informazione campano

È finita l’epoca degli apparecchi acustici! ? Il trattamento rivoluzionario di un professore italiano ripristina naturalmente l’udito in 28 giorni

LA GAZZETTA CAMPANA SALUTE Ecco quando pubblica un portale di salute Italiano

Il nuovo metodo di rigenerazione dell’udito distruggerà il mercato degli apparecchi acustici? Eminenti specialisti in otorinolaringologia non hanno dubbi in proposito: sì. Con lo sviluppo di una formula macromolecolare naturale da parte di un italiano, è giunta la svolta tanto attesa nella lotta per un buon udito.

Già più di 14 mila utenti del trattamento hanno rigenerato le loro cellule ciliate in 28 giorni. Di conseguenza, hanno riacquistato un udito acuto come a 20-25 anni. Anche coloro che rischiavano la sordità totale. Com’è possibile?

 

Il prof. Ernesto Ceccarelli (esperto in biologia molecolare) ha deciso di liberare la madre dalla sordità progressiva e di ristabilire il suo buon udito – questo è stato l’inizio di una rivoluzione nell’otorinolaringologia. Dopo 11 mesi di test di laboratorio, il professore ha sviluppato una formula naturale, sicura e facile da usare per potenziare l’udito.

Le riviste mediche professionali hanno già salutato questo trattamento come un “risultato pionieristico nell’otorinolaringologia”, e il professore ha ottenuto per il suo successo la nomina al premio Best Hearing Customer Choice Award.Grazie alla sua formula, anche le persone con ipoacusia grave possono rigenerare le loro cellule ciliate, riacquistare la propria naturale capacità uditiva e liberarsi dalla necessità di indossare un apparecchio acustico.

“Un apparecchio acustico significa denaro gettato alle ortiche!” Quali sono le ragioni per sostenerlo?

Queste parole sono già state confermate da più di 14 mila utenti soddisfatti della formula macromolecolare di rinnovamento dell’udito, che hanno già gettato i oro apparecchi acustici . Per questo motivo abbiamo deciso di analizzare più da vicino questi dispositivi. In particolare, di verificare gli inconvenienti e i problemi quotidiani che devono affrontare le persone ipoacusiche che utilizzano gli apparecchi. Ecco le conclusioni:

 

  • Un apparecchio acustico è costoso

    Il costo di un apparecchio è di va dai 500 ai 3000 euro e non si tratta di una spesa una tantum. Sono necessarie anche le batterie, il cui costo annuo è di oltre 100 euro! Persino se qualcuno può permettersi di spendere questi soldi a cuor leggero, non può evitare altri svantaggi di questo dispositivo.

  • Provoca vergogna e disagio

    Coloro che indossano apparecchi acustici soffre perché vengono percepiti come disabili. Provano dispiacere quando la gente per strada li guarda impietosita e si chiede “Cos’è quella roba che gli sporge dall’orecchio?”.

  • Emette fischi fastidiosi

    Le persone che indossano apparecchi acustici lamentano la scarsa qualità del suono che percepiscono. L’apparecchio emette fastidiosi fischi che causano irritazione e stress.

  • Provoca infezioni che aggravano la perdita dell’udito

    Nell’apparecchio acustico possono svilupparsi funghi che causano gravi infezioni all’orecchio. Queste, a loro volta, indeboliscono ulteriormente la capacità uditiva.

  • Il suono viene potenziato solo quando si indossa

    L’apparecchio deve essere rimosso prima del contatto con l’acqua, ad esempio prima di fare la doccia. Va tolto anche durante la notte. Ciò non permette di recuperare l’udito in modo permanente.

Proprio per questo il trattamento macromolecolare del prof. Ceccarelli è una vera e propria svolta nella lotta per un buon udito

Gli apparecchi acustici amplificano i suoni esclusivamente quando sono indossati. Il trattamento del prof. Ceccarelli, invece, rinnova le cellule dell’udito ripristinando la naturale capacità uditiva senza l’ausilio dell’apparecchio acustico. Gli ingredienti in esso contenuti hanno proprietà fortemente rigeneranti. Fornire quotidianamente queste sostanze alle orecchie ripristina la capacità uditiva anche delle persone con ipoacusia grave.

Riacquistare al 100% un udito efficiente è ora possibile per chiunque

Il trattamento è già disponibile nella vendita al dettaglio con il nome di Nutresin – Herbapure Ear. La formula ha una forma oleosa che si può applicare facilmente nell’orecchio tramite un contagocce. Il suo utilizzo è completamente sicuro per l’organismo, come dimostrato da ulteriori ricerche di un centro di ricerca tedesco di Stoccarda. Questi studi hanno anche dimostrato che il trattamento presenta oltre il 98% di efficacia. Grazie ad esso, le persone di 38-93 anni, in soli 28 giorni hanno ottenuto effetti spettacolari nella lotta contro la perdita dell’udito. Indipendentemente dalla loro età, dalla causa o dalla durata del disturbo dell’udito.

Queste persone, subito dopo l’utilizzo della formula, hanno liberato il condotto uditivo. Come risultato, ha migliorato l’udito ben del 50% ed hanno iniziato a percepire una gamma più completa di suoni in spazi ampi. Nei giorni successivi al trattamento queste persone hanno aumentato la sensibilità dell’orecchio al parlato umano, quindi hanno iniziato a sentire chiaramente le conversazioni anche nel trambusto della strada. Successivamente hanno eliminato i mal di testa e gli acufeni causati dalle impurità presenti nel condotto uditivo.

Come risultato, hanno ridotto il sovraccarico sui centri dell’udito nel cervello fino all’80% e hanno acquisito 3 volte più energia. Ma non è tutto. Dopo 28 giorni di trattamento, i partecipanti ai test hanno unanimemente ammesso che il loro udito è diventato più acuto. Oggi sentono esattamente come a 20-25 anni!

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.