Quotidiano di informazione campano

E’ stato fermato e portato in carcere Luigi Colla, l’operaio di 42 anni accusato dell’omicidio della ex compagna,

CRONACA RADIO PIAZZA NEWS Era andata a casa del 42enne per ritirare alcuni indumenti

0

E’ stato fermato e portato in carcere Luigi Colla, l’operaio di 42 anni accusato dell’omicidio della ex compagna, Elisa Pavarani, 39enne anche lei operaia, trovata senza vita ieri sera in un appartamento alla prima periferia di Parma. Colpita da alcuni fendenti, era riversa nell’abitazione dell’uomo dove si sarebbe recata per un incontro chiarificatore. Fra i due c’era stata una storia d’amore che lei aveva deciso di interrompere: ieri era andata a casa del 42enne per ritirare alcuni indumenti. Elisa, di Parma ma residente a Sala Baganza, era anche lei operaia.

Luigi Colla non voleva l’interruzione della relazione, tanto che sulla copertina della sua pagina facebook aveva pubblicato una foto, assieme alla donna, rispondendo ad un post di un amico: “Pace? Non ancora”. I carabinieri stanno proseguendo le indagini, coordinati dal capitano Giovanni Mura. Il fascicolo della Procura è stato aperto del pm Salvatore Ausiello.

Gli inquirenti affermano di avere intercettato l’uomo nella notte mentre vagava per Parma, a pochi chilometri di distanza dal luogo dell’omicidio. L’uomo, attorno alle 2.30, è stato condotto nella caserma del Comando provinciale dei Carabinieri e vista “la sussistenza di gravi indizi per la commissione dell’omicidio della Pavarani, risultato causato da contrasti di natura personale, il pubblico ministero della Procura della Repubblica di Parma ne disponeva il fermo”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.