Quotidiano di informazione campano

Ebola: infermiere di Emergency con febbre ma lucido. Primo bollettino

L’operatore 37enne non è in condizioni critiche: è stato trasferito nella notte tra martedì e mercoledì allo Spallanzani di Roma. Madre e sorelle in quarantena in Sardegna

0

Ha contratto l’Ebola l’infermiere di Emergency che ha prestato servizio in Sierra Leone ed era ricoverato da un paio di giorni a Sassari. Il paziente, riferisce il ministero della Salute in una nota, è risultato positivo al test Ebola eseguito nel pomeriggio di martedì al centro Lazzaro Spallanzani di Roma. Il campione di sangue è arrivato a Roma nella tarda mattinata di martedì dalla Sardegna.

Le condizioni dell’infermiere non sono critiche

Le condizioni dell’infermiere 37enne contagiato dal virus Ebola non sono critiche. Lo hanno affermato i medici dell’ospedale Spallanzani durante la prima conferenza stampa mercoledì. «Al momento della presa in carico – hanno spiegato – il paziente era febbrile, lucido e collaborante».
Riguardo alle terapie i medici hanno riferito che «il paziente è trattato con farmaco antivirale specifico non registrato in Italia ma autorizzato con ordinanza da Aifa su indicazione del ministero della Salute». Alla domanda se verrà usato il plasma del paziente zero (di Fabrizio Pulvirenti, il medico siciliano guarito da Ebola e ricoverato allo Spallanzani) è stato risposto che bisognerà valutare prima tutte le unità disponibili in Europa.RADIO PIAZZA SALUTE

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.