Quotidiano di informazione campano

Ecco una notizia che fa aprire gli occhi a tanti genitori…. Niente smartphone ai bambini fino a 9 anni, dicono gli psicologi

CRONACA STEFANO BENFENATI A Cese na il Festival della salute digitale per l'uso consapevole delle tecnologie da zero a cent'anni

Un modello educativo per proteggere bambini e adolescenti dai pericoli derivati dagli usi impropri delle tecnologie ma anche per cogliere le straordinarie opportunità della vita davanti allo schermo: sono le linee guida “App” (Accompagnare, proteggere, proporre) elaborate dal Centro Studi Psichedigitale, associazione fondata a Cesena cinque anni fa da alcuni psicologi specializzati nello studio dell’interazione tra tecnologie digitali e sviluppo psico-emotivo dell’individuo nell’intero ciclo di vita.

a di una serie di indicazioni pratiche per gestire le tecnologie in famiglia, dall’infanzia all’età adulta. Il vademecum per i ‘nativi digitali’ ma anche per nonni, genitori ed insegnanti, sarà presentato durante il primo Festival della salute digitale in programma nella città romagnola dal 5 al 12 febbraio. Linee guida, frutto delle competenze messe a punto dall’associazione e colonne portanti del libro “Mio figlio è stato rapito da internet”. Il titolo del volume prende spunto dal grido di allarme di una mamma preoccupata, un genitore ‘simbolo’ dell’inadeguatezza di una generazioni di adulti di fronte ai progressi ‘turbo’ del digitale.

Non per demonizzare

Francesco Rasponi, Michele Piga  ed Elvis Mazzoni sono i tre autori nonché fondatori dell’associazione Psichedigitale: solo nel 2007 hanno dato vita ad una cinquantina di eventi formativi incontrando centinaia di genitori, educatori, ragazzi in cerca di soluzioni per vivere meglio il proprio rapporto con le tecnologie.

“La nostra visione della tecnologia – ha spiegato all’Agi Francesco Rasponi, presidente dell’Associazione Psichedigitale – è molto lontana dalla demonizzazione. Il concetto di salute digitale è legato alla possibilità di saper cogliere il meglio dalle tecnologie. Il tutto nella consapevolezza che occorre ‘educare’, bambini e ragazzi ma soprattutto gli adulti, all’utilizzo di internet, videogiochi  e smartphone. Il Festival della Salute Digitale rappresenterà un momento di riflessione: siamo noi a dover ‘dominare’ le tecnologie e non viceversa”.

Niente smartphone fino a 9 anni

Le linee guida “App”  si declinano nelle diverse fasce di età e prendono in considerazione vari parametri (tipologia di schermo, contenuti, tempi, spazi, ruolo dei genitori). Punto fermo (trasversale dai 0 ai 18 anni)  è la necessità di una presenza costante del genitore che, secondo gli esperti, non dovrebbe abdicareal difficile compito di ‘educatore digitale’ fino al raggiungimento della maggiore età da parte dei figli.

In particolare, si legge nel vademecum, prima dei due anni è consigliato non esporre il bambino ad alcuno schermo; fino ai 6 anni l’utilizzo del tablet dovrebbe sempre essere accompagnato da un adulto; fino a 9 anni sarebbe bene evitare l’uso personale dello smartphone e dar sempre più spazio ai cosiddetti  ‘tech talk’, momenti di confronto sull’uso della tecnologia e sulle regole da condividere.

E ancora: prima degli 11 anni la navigazione autonoma su internet e l’uso dei sistemi di messaggistica possono essere concesse, ma richiamando ad un uso responsabile e tenendo sempre aperto il dialogo. Infine, arriva la fase adolescenziale in cui è bene mettere in guardia sui pericoli del cyberbullismo e tenere gli occhi aperti per saper leggere i segnali di possibili criticità.

“Spesso l’adulto, davanti a queste tecnologie molto seduttive – spiega Rasponi  –  si trova in difficoltà per l’assenza di un modello di riferimento. Ormai gli strumenti digitali  – continua il presidente di Psichedigitale  – sono diventati delle protesi di noi stessi ed occorre utilizzarli in sicurezza senza esserne travolti. Ad esempio uno dei rischi maggiori è rappresentato dalla dimensione tempo. Rimanere troppo a lungo davanti ad uno schermo – osserva l’esperto – ci preclude altre attività fondamentali. Ad esempio i videogiochi non sono più quelli a ‘gettone’ ma sono diventati una sorta di ‘lavoro’ e richiedono ore e ore di applicazione”.cronaca radio piazza news

I commenti sono chiusi.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.