Quotidiano di informazione campano

ELENCO PROVERBI NAPOLETANI -E IN LINGUA ITALIANA

MEGLIE SUL CA MAL'ACCUMPAGNAT...............................

0

 

– ‘A spesa nun vale ‘a ‘mpresa.

Si dice quando il costo di un oggetto non è proporzionato al valore di esso o quando una qualunque impresa costerà più fatica di quel che se ne potrà realizzare.

2 – ‘E mosche corrono addo’ sta ‘o ddóce.

I poveri si accalcano intorno al tipo generoso, gli imbroglioni intorno al tipo ingenuo, i farfalloni intorno alle ragazze un po’ facili, ecc.

 

3 – Quanno ‘o mellóne esce russo, ognuno ne vo’ ‘na fèlla.

Quando un’impresa riesce, tutti vorrebbero parteciparvi.

 

4 – L’accio senz’acqua se secca.

Come le verdure fresche vanno soggette a seccarsi per mancanza di acqua, così molte persone finiscono per inaridirsi e diventare persino cattivi.

 

5 – Sant’Antuono, tèccote ‘o vviécchio e damme ‘o nnuovo.

Parole che accompagnano l’offerta di mobilia e suppellettili vecchie per accendere i “cippi” e, nello stesso tempo, preghiera per ottenere cose nuove.

 

6 – ‘A cuntentezza vene da ‘o core.

La vera allegria non è quella che proviene dalle risa e dai sorrisi, ma dall’intima gioia di un cuore sereno e senza scrupoli.

 

7 – Tutto ‘o lassato è perduto.

Bisogna profittare anche della più piccola occasione che ci possa offrire benessere, gioia, successo, amore.

 

8 – ‘A carne ‘a sotto e ‘i maccarune ‘a coppa.

Spesso gli stupidi primeggiano e gli intelligenti soccombono.

 

9 – ‘O munno è munno: chi saglie e chi va a funno!

Purtroppo così vanno le cose degli uomini, indipendentemente dal valore personale, c’è sempre il fortunato che sale ai posti di comando e il poveraccio che cola a picco.

 

10 – Ammore ‘e paglia subbeto squaglia.

I fuochi di paglia si spengono subito.

 

11 – Ammore verace s’appìcceca e fa pace.

Due innamorati che veramente si vogliano bene si bisticciano continuamente, ma subito si riappacificano.

 

12 – A ‘o core nun se cummanna.

L’amore è un sentimento spontaneo, contro il quale a nulla valgono la cultura, la saggezza, il consiglio dei parenti e degli amici, ecc.

 

13 – Faje ‘o sórece d’ ‘o speziale: allicche ‘a fora a’ vetrina!

Di coloro che spasimano da lontano per una donna, che non li degna neppure di uno sguardo.

 

14 – L’ammore nun s’accatta e nun se venne.

L’amore è uno dei sentimenti più genuini dell’anima umana, e pertanto è al di fuori e al di sopra di ogni interesse.

 

15 – Luntano dall’uocchie, luntano da ‘o còre.

La lontananza fa intiepidire anche i più grandi amori.

 

16 – Auciéllo viécchio nun trase ‘ncajòla.

Gli anni rendono furbi e difficilmente un vecchio resterà abbindolato.

 

17 – Chello can un vuo’ sentì’, fa’ vedé’ ca nun siénte.

Quando preferisci non sentire o non conoscere una cosa, fingi di non aver compreso.

 

18 – Chi crede ‘e guadagnà’ perde ‘a mmità.

Spesso chi s’illude di fare un affare, s’imbatte in uno più furbo di lui, e perde la metà del capitale…

 

19 – Compagno, tu fatiche e io magno!

La solita furberia degli sfaticati…

 

20 – ‘O deritto more sempe pe’ mano d’ ‘o fesso.

I tipi più scaltri finiscono per essere raggirati da coloro che hanno sempre disprezzato o sottovalutato.

 

21 – Senza ‘o fesso ‘o deritto nun campa.

A proposito di tutti quegli imbroglioncelli, che riescono a vivere alla meglio, ingannando i creduloni col gioco delle tre carte o altri tipi di truffe.

 

22 – Chi ‘nfruce nun luce.

Chi pensa solo a conservare il danaro non farà mai una buona figura.

 

23 – Chi nun spanne nun appènne.

L’avaro si priva della soddisfazione di appendere in cucina le sue ghiotte provviste o negli armadi i bei vestiti,ecc.

 

24- ‘O pirchio pare ca ‘o culo l’arrobba ‘a cammisa.

L’avaro vive una vita di incubi, qualcuno dei quali addirittura surrealistico come l’esempio del sedere che si ruba la camicia.

 

25 – Chi gliótte sano mòre affocato.

Chi è troppo ingordo di cibo o di danaro resta soffocato da quanto è riuscito a procurarsi.

 

26 – Chi sparte ave ‘a meglia parte!

Chi divide una pietanza o un bottino, se ci sa fare, finirà per avere il boccone più grosso…

 

27 – Chi bella vo’ paré’ pene e gaje ha da paté’.

Chi vuol apparire bella deve sopportare tutti i fastidi dell’abbellimento.

 

28 – Ogne bella scarpa cu’ ‘o tiempo addiventa scarpone.

Anche le donne più belle e procraci diventeranno brutte e sgraziate.

 

29 – Ogne scarafone pare bello a ‘a mamma soia.

Ogni figlio è bello per la propria madre, anche se simile a uno scarafaggio.

 

30 – Acqua ca nun cammina fa pantano e fète.

Una situazione che diventa annosa finisce per esaurirsi senza avere uno sviluppo o riferito agli uomini taciturni e chiusi che spesso covano malizia o perversità.

 

31 – ‘A tutte ‘e pparte stanno ‘i buone e ‘i malamente.

In ogni categoria, in ogni ambiente, dovunque, l’umanità si divide in buoni e cattivi…

 

32 – Chello che faie t’ ‘o truove.

Tutto quel che fai, il bene come il male, ti sarà ripagato di egual moneta.

 

33 – Chi capisce compatisce.

La comprensione porta anche la compassione.

 

34 – Chi sémmena viento raccoglie tempeste…

Chi semina odio e diffidenza raccoglie inimicizie e antipatie, oltre allo stesso odio e alla stessa diffidenza inculcati negli altri.

 

35 – Male nun fa’ e paura nun avé’.

Chi non fa il male non ha nulla da temere.

 

36 – Nun sputà’ ‘nciélo ca ‘nfaccia te torna.

Non disprezzare il bene, perché quel disprezzo si ritorcerà contro di te.

 

37 – ‘A campana dice dóngo e damme.

Il don-dan della campana ricorda agli uomini che nella vita bisogna dare se si vuole avere…

 

38 – Addo’ magnano duje ponno magnà’ pure tre.

Dove ci sono due persone a mangiare c’è cibo sufficiente anche per una terza persona.

 

39 – Chi piacere nun fa piacere nun trova.

Chi non aiuta i propri simili, quando ne avrà bisogno resterà abbandonato.

 

40 – Meglio è a dà’ ca a ricevere.

In molti casi c’è più gusto nel dare che nel ricevere, specialmente quando si è molto ricchi o molto superbi.

 

41 – Chi è povero ‘e denaro è ricco ‘e core.

I più poveri son sempre quelli dal cuore più generoso.

 

42 – ‘O muóllo rompe ‘o ttuósto.

La gentilezza e la dolcezza rabboniscono anche la persona più autoritaria.

 

43 – Chi nasce quatro nun pò murì’ tunno.

Chi nasce con un determinato carattere non potrà mutarlo con facilità.

 

44 – A ‘a casa cu’ ‘o sole nun trase duttore.

Le case soleggiate risparmiano i malanni e allontanano i medici.

 

45 – Chi vo’ male a chesta casa ha da crepà’ primma ca trase!

Chi guarda con occhio ostile la mia casa deve morire prima di entrarvi!

 

46 – Chilli dduie me pàreno cazza e cucchiara!

A proposito di due tipi indivisibili, quasi l’uno necessario all’altro, come il badile con cui s’impasta la calce e la cazzuola con la quale si spalma la calce stessa.

 

47 – Fattélla cu’ chi è meglio ‘e te e fance ‘e spese.

Frequenta chi è più ricco di te e sostieni anche le spese.

 

48 – ‘O ciunco aiuta ‘o cecato.

Quando si uniscono due persone in pessime condizioni fisiche o finanziarie e cercano di aiutarsi l’un l’altro.

 

49 – ‘A funa è corta e ‘o puzzo è futo.

La corda è corta e il pozzo è profondo, proverbio detto per far presente che non sempre i rimedi sono adeguati alla gravità dei mali.

 

50 – ‘A lucerna senz’uóglio se stuta.

L’uomo senza nutrimento, una donna senza amore, un bambino senza cure materne, un ammalato senza cure mediche, ecc., son tutti destinati a finire in malo modo.

 

51 – ‘O mese ‘e frevaro è buono pe’ l’impiegate!

Il mese di febbraio è comodo per chi vive di stipendio, perché è più corto di due o tre giorni.

 

52 – Primma ‘e guardà’ ‘nnante, vòtate arèto.

Anziché aspirrare a star meglio, guarda a quelli che stanno peggio di te.

 

53 – ‘A bona campana se sente ‘a luntano.

Le buone parole hanno efficacia profonda, così il buon esempio, le buone opere, i buoni consigli, ecc.

 

54 – Chi sputa ‘ncielo ‘nfaccia le torna.

Chi offende Dio, sarà punito.

 

55 – ‘A gallina nun fa maie dóje òva!

Chi ottiene un grosso favore non deve adagiarsi tra due cuscini, perché i miracoli avvengono una volta sola…

 

56 – ‘A votte dà chello che tene.

Bisogna contentarsi di quello che ogni persona può offrire, senza pretendere cose impossibili.

 

57 – Chi nun pò avé’ ‘a pórpa, s’attacca a l’uosso.

Non potendo ottenere in pieno quel che si desidera, ci si accontenta delle briciole.

 

58 – Chi va pe’ chisti mare chisti pisce piglia.

Chi si avventura in certe imprese deve poi subirne le conseguenze.

 

59 – Cuscienza e denare so’ ‘e cose cchiù rare.

Son rari, specialmente uniti insieme, perché assai spesso alla base delle ricchezze esistono compromessi, piccole e grandi disonestà, atti di violenza, persino colpe e delitti…

 

60 – È meglio a zuppecà’ ca a nun cammenà’.

Nella vita bisogna sempre contentarsi del meno peggio, quando non sia possibile ottenere il meglio…

 

61 – È meglio poco e spisso ca assaie e ‘na vota sola.

Di certi piccoli beni è preferibile averne pochi e spesso, anziché molti e tutti in una volta!

 

62 – ‘E ricche comme vonno, ‘e pezziénte comme ponno.

Il ricco può scegliere, il povero deve accontentarsi di quel che può avere.

 

63 – Meglio è sentì’ rumore ‘e catene ca rumore ‘e campane.

Meglio andar a finire in galera che morire!

 

64 – ‘Ntiémpo ‘e tempèsta ogni pertuso è porto.

Come in tempo di tempesta ogni anfratto diventa un porto, così nei momenti difficili ogni aiuto è sempre provvidenziale.

 

65 – O te magne ‘sta menesta o te vutte d’ ‘a funesta.

Quando uno si trovi tra due scelte egualmente dubbie e difficili.

 

66 – Si nun magne carne, vivete ‘o brodo!

Di chi non potendo ottenere la sostanza di una cosa si accontenta di una piccola parte o di un surrogato di essa.

 

67 – Chi se scusa s’accusa.

Spesso chi ha commesso un fallo si giustifica prima che gli sia chiesto conto di quel che ha fatto.

 

68 – Chi tene ‘a coscienza netta pò ghi’ a fronte scuperta.

Chi sta a posto con la propria coscienza può camminare a fronte alta.

 

69 – ‘A malinconia nun leva ‘e diébbete.

Quando si è carichi di guai, l’essere tristi non risolve niente, ma anzi toglie ogni capacità di ripresa.

 

70 – A mmurì’ e a pavà’ quanno chiù tarde se pò!

A morire e a pagare i propri debiti c’è sempre tempo…

 

71 – ‘A puntualità è patrona d’ ‘a sacca ‘e l’àute.

Chi paga i debiti trova facilmente i creditori.

 

72 – Chi lava ‘a capa a ‘o ciuccio nce pèrde ‘o sapone.

Chi si affatica in opere vane ci perde tempo e danaro.

 

73 – Si’ ghiuto a Roma e nun haje visto ‘o Papa.

Ti sei affaticato inutilmente per un affare, senza ottenere l’intento sperato.

 

74 – Vaje p’aiuto e truove sgarrupo.

Cerchi aiuto e trovi danno, credi di rivolgerti a un amico e ti accorgi invece di esserti rivolto a un uomo perfido ed ostile.

 

75 – ‘A carne se jètta e ‘i cane s’arràggiano.

C’è abbondanza di roba e manca il danaro per comprarne.

 

76 – Chi nun ha nun è. 

Chi non possiede nulla, non conta neppure nulla…

 

77 – Chi nun tene denare va facendo zelle.

Il povero è costretto ad andar facendo debiti di qua e di là, che poi son tanti vuoti nei suoi futuri guadagni, come tante alopecia sul suo capo.

 

78 – Chi tene denare fa ati denare!

L’uomo ricco ha più possibilità di fare altro denaro, perché può impiegare capitali, perché non ha timore di perdere quel poco che possiede, perché ha più credito presso banche e uomini d’affari, ecc.

 

79 – Cu’ l’uocchie nun se tira ‘a muneta.

Guardare il denaro con occhio cupido non basta a procurarsi il danaro stesso…

 

80 – ‘E denare buone stentate nun durano cinquant’anne.

Chi ha penato molto per guadagnare spende subito il suo guadagno, proprio perché è povero.

 

81 – ‘E denare fanno caccià’ ‘e vizie.

Le possibilità economiche fanno accrescere i vizi.

 

82 – ‘E denare fanno venì’ ‘a vista a ‘e cecàte.

L’effetto del denaro è imprevedibile, anche un cieco riacquisterebbe la vista, se da povero dovesse all’improvviso diventare ricco!

 

83 – ‘E denare vanno cu’ ll’ati denare.

Soldi chiamano soldi.

 

84 – Senza denare nun se cantano messe.

Per ogni cosa, anche per quelle meno profane, occorre sempre del denaro.

 

85 – Addo’ c’è gusto nun c’è perdènza.

Quando una cosa è fatta con piacere, pazienza se sia costata fatica o danaro, perché bisogna sempre considerarla un guadagno!

 

86 – Aspettà’ e nun venì’ è ‘na pena da murì’.

La peggior pena è l’attesa di una persona che si desidera ardentemente di vedere o di una cosa che si aspira ad ottenere.

 

87 – Caudara guardata nun vólle maie…

Quando una cosa è molto attesa o desiderata sembra che non si realizzi mai.

 

88 – Chello che chiù se nega chiù alluma l’appetito.

Le cose proibite sono sempre le più desiderate.

 

89 – D’annore e paraviso ognuno ne vo’ ‘nu poco.

Di certi beni l’anima umana è particolarmente desiderosa, ad esempio, del paradiso e degli onori, i quali certamente fanno piacere un pò a tutti.

 

90 – ‘E ccose pruibbite so’ ‘e cchiù sapurite.

Anche i medici, nel vietare agli ammalati il fumo, le fritture, le salse, le carni di maiale e gli insaccati, ecc., non fanno che confermare le veridicità del proverbio…

 

91 – Se gode cchiù a aspettà’ ‘o piacere ca ‘o piacere stesso!

Concetto da sabato leopardiano, per cui il piacere consiste nell’attesa della felicità stessa nel momento che la si consegue.

 

92 – A pecundrìa è peggia d’ ‘a malatìa.

La malinconia è peggiore di una malattia.

 

93 – Appriesso a’ ‘e rrisa vene ‘o chianto… 

In genere ai momenti di felicità subentra sempre un momento di dolore.

 

94 – Carne avvezza a patì’ dulore nun sente.

Chi è abituato a soffrire accetta quasi supinamente ogni nuova sofferenza.

 

95 – Chisto è ‘nu chiuovo ‘e dulore che me pèrcia ‘o core!

Un po’ melodrammatico, ma efficace nel significare che certi dolori sono più penetranti di un chiodo nel cuore.

 

96 – ‘A femmena ciarlèra è ‘na mala mugliera.

La donna ciarliera è una cattiva moglie.

 

97 – ‘A femmena è comm’ ‘a campana: si nun ‘a tuculìje nun sona.

La donna ha bisogno di essere destata ai sentimenti, all’amore e persino alla lussuria.

 

98 – ‘A femmena è l’arruina ‘e l’ommo.

Proverbio misogino, vecchio quanto il mondo, ma assai spesso bugiardo quanto lo stesso mondo…

 

99 – Chi sémmena fasule lle nasceno corna.

Il troppo denaro speso per una donna la rende capricciosa e predisposta al tradimento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.