Quotidiano di informazione campano

Emilia morta in sala parto. Il marito: «Mi diceva: amore sto morendo, portami via da qui»

0

«Sto morendo, portami via da qui». Le parole di Emilia Balido, la 31enne morta dopo un’emorragia post partum, rimbombano nella testa di Ciro, il marito della giovane che solo ora comincia a recuperare quella lucidità necessaria per ricostruire gli ultimi istanti di vita di sua moglie. «È come rivivere un incubo ma ricordo tutto ciò che è accaduto fin dal momento della rottura delle acque» racconta il 36enne di Portici che ha denunciato alla Polizia quanto accaduto nella clinica «Andrea Grimaldi» di San Giorgio a Cremano, dove il 30 agosto scorso Emilia ha partorito una bimba prima di essere trasferita al Loreto Mare e morire dopo 3 giorni di ricovero in terapia intensiva.
«L’hanno ammazzata in clinica perché è stata portata tardi in ospedale quando oramai aveva perso troppo sangue – sostiene Ciro Ruggiero – fino al momento del parto tutti gli esami confermavano l’ottimo stato di salute di mia moglie e della bambina, compreso l’ultimo tracciato effettuato poco prima di trasferirla in sala parto e prima di somministrarle un antibiotico per via endovenosa che le ha scatenato uno shock».
Di quelle ore drammatiche, trascorse fuori dalla sala parto, Ciro ricorda le urla di dolore della moglie e le frasi pronunciate con un filo di voce. «Emilia cominciò a diventare viola e con la schiuma che le usciva dalla bocca dopo la somministrazione di un antibiotico in seguito al quale le fu dato del Bentelan, già da quel momento mi parlava a fatica ed era in uno stato confusionale- ricorda il marito facendo riferimento all’assistenza prima del parto- successivamente dopo un lavaggio fu portata in sala per partorire e ho sentito le sue urla fino alle 4.26 l’ora in cui è nata la bimba». Dopo aver dato alla luce la piccola Emilia, così è stata chiamata la neonata, Ciro fu colpito dalle parole della moglie che durante il trasferimento nella sua stanza gli disse con le poche forze che le restavano: «Amore sto morendo, portami in un altro posto».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.