Quotidiano di informazione campano

Esce “L’arte della pazienza”, manuale per un un approccio “zen” alla crescita di Raffaele Gaito

Docente, speaker, blogger e growth coach, Gaito ha scritto un nuovo libro per spiegare come si tratti di una qualità che è necessario allenare per raggiungere i propri obiettivi di fronte a un mondo frenetico del "tutto e subito"

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

(23-03-2021) In un mondo sempre più frenetico, dove troppo spesso si considera il digitale e l’innovazione garanzia di risultati immediati per avere successo, c’è una dote fondamentale: la pazienza. È da questo assunto, nato da un talk a un TEDx nel 2017 che su YouTube ha superato le 200mila visualizzazioni, che Raffaele Gaito, autore e formatore salernitano 36enne ha deciso di scrivere il suo nuovo libro, L’Arte della Pazienza, edito da Franco Angeli e in uscita a fine marzo. Un manuale in controtendenza rispetto a luoghi comuni e aneddoti (quasi sempre falsi) sul successo improvviso e alla portata di tutti. Una riflessione “zen” sull’arte del saper attendere a cui Gaito, che ha al suo attivo già tre libri, ha dedicato anche un sito www.lartedellapazienza.it

“Pur rimanendo un libro di business, per la prima volta affronto la questione dal lato umanistico, per parlare di quella che per me è una qualità fondamentale. Viviamo in un mondo frenetico, fatto di scenari che corrono, che grazie al digitale vanno alla velocità della luce. E questo si percepisce anche sul mondo del lavoro“, spiega lo scrittore-innovatore, che ha portato i propri workshop e talk in aziende del calibro di Vodafone, HP, Microsoft, Enel,  Poste, Chiesi, Sella e tante altre.

Il libro è diviso in due parti: ‘La pazienza, perché’ e ‘La pazienza, come’. Nella prima Gaito introduce l’argomento e spiega perché si tratti oggi più che mai di una qualità fondamentale, sia nella vita lavorativa che in quella privata, mentre nella seconda illustra concretamente come non si tratti di una dote innata, ma di un’abilità che tutti possono acquisire, indicando anche un modello in quattro fasi che chiama Ciclo della pazienza. “La pazienza non è pigrizia, non è immobilità – spiega – È anzi qualcosa di molto concreto, un mix di costanza, perseveranza, capacità di attendere. È un qualcosa che fa la differenza nella sfera lavorativa e anche in quella privata. In un’epoca frenetica come questa, ne avremo un grande bisogno perché avrà un impatto enorme sulle nostre vite”.

Alternando consigli, storie di imprenditori (Jack Ma, Reed Hastings), di scrittori (J.K. Rowling, Astrid Lindgren), di sportivi (Michael Jordan, Mary Kom) e altri personaggi famosi Gaito racconta come “in un mondo che ci porta nella direzione del tutto e subito, in maniera quasi ossessiva, in cui quando desideriamo qualcosa è sufficiente un telefono per ottenerla in poche ore” sia necessario “stare attenti, capire che il successo non è dovuto e non è immediato”.

Anche per questo, sottolinea l’innovatore-scrittore, “è il libro a cui tengo di più, perché penso possa avere un impatto concreto sulle persone e sulla loro vita, e arriva in un momento storico particolare, in cui la pazienza ci può aiutare a fare la differenza”. Forse, invita a ricordare, una delle qualità più utili e meno considerate è proprio la pazienza.

Biografia
“Sono un Growth Coach e guido le aziende e i professionisti a migliorare i loro prodotti e i loro processi con l’ausilio dei dati, degli esperimenti e del pensiero laterale. Insegno alla Business School de Il Sole 24 Ore e sono autore dei libri diventati punti di riferimento del settore in Italia. Faccio divulgazione sui temi del marketing, business e innovazione attraverso un blog, un canale YouTube e un podcast. Ho portato i miei workshop e talk in aziende del calibro di Vodafone, HP, Microsoft, Enel, Poste, Chiesi, Sella e tante altre. Credo nella sperimentazione come unica chiave per l’innovazione”.

 

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.