Quotidiano di informazione campano

Estorsioni ad imprenditore, arrestato uno degli attuali reggenti della fazione Schiavone del clan “dei casalesi”

0

Nella mattinata del 10 agosto 2012, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno dato esecuzione ad un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, nei confronti di DEL VECCHIO Giuseppe, cl.’80 da Casal di Principe, uno degli attuali reggenti della fazione Schiavone del clan “dei casalesi”, ritenuto responsabile di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso.
Il provvedimentoè scaturito da unaattività d’indagine, grazie alla quale in soli 20 giorni, mediante riscontri tecnici, servizi sul territorio e penetrante attività informativa, i Carabinieri sono riusciti ad acquisire gravi e concordanti elementi di colpevolezza a carico del predetto accusato di aver posto in essere condotte estorsive ai danni del titolare di una attività commerciale operante nell’agro aversano, mediante ripetute visite presso l’attività commerciale ed anche nel corso di incontri occasionali al fine di costringerlo a versare una tangente di complessivi 30.000 Euro (15.000 subito e 5.000 nelle canoniche scadenze di ferragosto, Natale e Pasqua).
Le dichiarazioni rese dal recente collaboratore di giustizia VENOSA Salvatore, che da ultimo rivestiva una funzione apicale nel clan “dei casalesi”, hanno arricchito il provvedimento restrittivo di importanti elementi relativi allo spessore criminale assunto dall’odierno fermato nell’ambito del sodalizio casalese. Il DEL VECCHIO, infatti, costituiva, unitamente allo stesso VENOSA ed a RECCIA Oreste (fermato il 31 agosto u.s.), il vero e proprio “direttorio” del clan ed era deputato alla gestione della cassa comune ed al pagamento degli stipendi agli affiliati sottoposti al regime del “carcere duro” (art. 41bis O.P.).
DEL VECCHIO, tra l’altro, è figlio di un affiliato storico del clan, DEL VECCHIO Antonio cl.’54, che attualmente sta scontando una condanna all’ergastolo. La scelta di procedere con tempestività, con un provvedimento cautelare d’urgenza, è stata dettata dall’impellente e improcrastinabile necessità di interrompere le azioni delittuose nonché evitare ripercussioni ai danni della vittima.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.