Quotidiano di informazione campano

ETHNOS Festival presentaEvì Evàn con la partecipazione di Moni Ovadia (Grecia/ Italia

Radio piazza eventi

0

La XX edizione di Ethnos, festival internazionale della musica etnica diretto da Gigi Di Luca, presenta domenica 20 settembre a Villa Vannucchi a San Giorgio a Cremano, ore 21, musiche e danze popolari dalla Grecia con gli Evì Evàn, in scena con la partecipazione speciale di Moni Ovadia. Sette anni fa gli Evì Evàn esordivano a Roma con il primo concerto di musica rebetika, un genere musicale conosciuto da pochi ellenofili, sebbene la sua tradizione sia lunga quasi un secolo. Dai tavoli delle taverne greche al grande palco dellʼAuditorium del Parco della Musica, dai festival di paese alle trasmissioni con radio e televisioni nazionali, anno dopo anno gli Evì Evàn sono diventati il riferimento del rebetiko in Italia. Al loro ultimo album intitolato Rebètiki Diadromì (Itinerario Rebetiko), orgogliosamente autoprodotto, hanno voluto collaborare anche Moni Ovadia, Daniele Sepe, Vinicio Capossela, Sofia Labropoulou e Nikos Nikolopoulos. In questi anni gli Evì Evàn hanno portato il rebetiko in tutta Italia  contribuendo a diffondere la conoscenza di una musica che nasce dal cuore e la cui arteria passa per il bouzouki. Il concerto “Itinerario Rebetiko” che gli Evì Evàn presenterà al Festival Ethnos sarà arricchito dalla partecipazione straordinaria di  Moni Ovadia che, da profondo conoscitore della lingua e della cultura greca, cucirà insieme i brani musicali degli Evì Evàn con il racconto della nascita e delle caratteristiche del Rebetiko. La sua affabulazione affascinante trascinerà il pubblico in un labirinto di digressioni: dalla recitazione di poesie dei grandi poeti neoellenici come Giorgos Ritsos ai ricordi d’infanzia; dall’etimologia delle parole che fanno del greco la lingua comune europea ai canti imparati dal nonno. Intellettuale raffinato, attore e scrittore, Moni Ovadia si farà coinvolgere anche nella danza dei macellai, il hassaposerviko, il ballo da cui il compositore Mikis Theodorakis prese ispirazione per il celebre brano conosciuto in tutto il mondo come il sirtaki.   Sul palco, oltre a Moni Ovadia ci saranno Dimitris Kotsiouros (bouzouki, baglamas, tzouras, oud), Georgios Strimpakos (canto, baglamas), Emiliano Maiorani (chitarra), Dimitris Evaggelou (danza), Francesco di Cristofaro (fisarmonica, tzouras), Daniele Ercoli (contrabbasso) e Luca Cioffi (percussioni).   Nel pomeriggio, sempre a Villa Vannucchi (ore 18), stage di danze rebetike con Dimitris Evaggelou, coreografo, danzatore, improvvisatore, performer cresciuto sul monte Pilio. Ha studiato le danze tradizionali greche in diverse regioni e ha concentrato le sue energie nelle danze rebetike e nelle coreografie teatrali tratte da ricerche nell’area del Mediterraneo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.