Quotidiano di informazione campano

Federica Pellegrini in finale 200 sl con il miglior tempo. Caccia al podio con le candeline

SPORT NUOTO, ITALIA GRANDE-Gregorio Paltrini SPORT GRANDE eri accede alla finale degli 800 metri stile libero. Ledecky, ancora record mondo nei 1.500. Record Van der Burgh nei 50 rana

0

Federica Pellegrini si qualifica alla finale dei 200 stile libero aimondiali di nuoto di Kazan con il miglior tempo nonostante il costume galeotto. La campionessa azzurra ha chiuso le semifinali con il primo tempo di 1’56″23 davanti alla statunitense iridata Missy Franklin (1’56″37), terza la cinese diciottenne Shen Duo, in 1’56″44.

Federica caccia al podio con candeline: ha il miglior tempo – La linguaccia d’ordinanza per dire che sì, anche a Kazan, la bracciata da finale è la sua. Federica Pellegrini è sempre lei: dal mondiale di Montreal, tinto d’argento, sono passati dieci anni e la campionessa azzurra della vasca si conferma sempre regina. Perché ai mondiali russi accede alla finale dei 200 stile da numero uno, con il miglior tempo di 1’56″23 e davanti alla concorrenza agguerrita dell’americana iridata Missy Franklin, seconda in 1’56″37, e di quella della sorpresa cinese, Shen Duo (1’56″44). Candeline in vasca per l’azzurra che arriva all’appuntamento con un’altra pagina di storia comunque con una ricorrenza da festeggiare: perché domani quando proverà a non invertire la tendenza delle ultime rassegne iridate dal 2005 in poi (sempre a medaglia, con la storica doppietta d’oro 200-400 sl in casa a Roma 2009) Federica festeggia il suo 27/o compleanno.

L’azzurra, primatista mondiale in 1’52″98, ha gestito la semifinale con una gara tutta in progressione che l’ha portata prima al quinto posto, poi al quarto fino al primo nella virata ai 150 metri. In finale però “sarà battaglia vera, lotta fino alla fine – dice Pellegrini (da cinque edizioni sempre sul podio nei 200, argento nel 2005, bronzo nel 2007, oro nel 2009 e 2011, argento nel 2013) – Ci vorranno cuore, testa, anima, forza e magari una spinta dall’alto. Non credevo di fare il miglior crono, perché pensavo che la seconda semifinale fosse più veloce. Però ci speravo perché non volevo entrare ultima e spogliarmi in fretta prima della finale”.

Nella bagarre per il podio ci sarà anche Katie Ledecky (in finale con il sesto tempo di 1’56”76): la diciottenne di Bethesa nel Maryland poco prima di ributtarsi in acqua ulteriormente migliorato il suo record del mondo nei 1500 sl portandolo a 15’25″48. “Tra le favorite ci sarà anche lei – ammette l’azzurra – ha fatto il mondiale venti minuti prima e avrà sicuramente una marcia in più”. Una sfida che vedrà le regine della specialità battersi per l’oro: “Tutte abbiamo tirato e nessuna si è nascosta – aggiunge – mi sono regalata una finale bellissima per il mio compleanno. Ora avrò mezza giornata per recuperare al meglio e presentarmi al massimo delle forze”.

Gregorio Paltrinieri accede alla finale degli 800 metri stile liberograzie al secondo posto nella sua batteria ai mondiali di nuoto di Kazan, con il tempo di 7’45″15. “Non è andata male, un po’ di fatica perché in questi giorni la mattina ho sempre faticato a trovare il ritmo – ha commentato ai microfoni di RaiSport – Però alla fine non ho accelerato, gli ultimi 100 metri non ho voluto esagerare. Domani i ritmi saranno certo più veloci, proverò a fare la gara dai 400 in poi. E’ una prova a cui tengo”

Ledecky, ancora record mondo nei 1.500 – Inarrestabile Katie Ledecky ha stabilito il suo secondo primato del mondo personale nei 1500 sl (il settimo della rassegna iridata), portandolo a 15’25″48. La diciottenne di Bethesa nel Maryland aveva nuotato il precedente primato ieri nelle batterie in 15’27″71. Venti minuti dopo la Ledecky ha anche centrato (con il sesto tempo) la finale dei 200 stile dove domani sfiderà Federica Pellegrini.

Record Van der Burgh nei 50 rana – Il sudafricano Cameron van der Burgh ha migliorato il primato mondiale dei 50 rana, che già gli apparteneva, con il tempo di 26″62, ai Mondiali di nuoto. Nella sua batteria ha abbassato di cinque centesimi il tempo stabilito ai Mondiali di Roma nel 2009. Velocissimo anche il britannico Adam Peaty, che ha nuotato in 26″68.ANSA PER RADIO PIAZZA SPORT

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.