download (1)Un evento così sarà ricordato a lungo e non solo a Brusciano. Migliaia di anime accomunate dalla voce carezzevole di Amedeo Minghi e i bagliori dei fuochi pirotecnici hanno concluso la storia della 139esima edizione della festa dei Gigli di Brusciano. Un’edizione ricca di significato, contenuto, folklore. Fra economia e sociale. I comitati organizzatori e l’amministrazione comunale non hanno voluto tralasciare alcun dettaglio. Ne è venuta fuori una kermesse che ha divertito i partecipanti, soddisfatto i commercianti, lodato i comitati e gratificati gli amministratori. Dopo il grande successo della Ballata dei Gigli di domenica 31 agosto (per la prima volta in diretta televisiva su Capri Event), le altre due serate sono state dedicate a saluti e ringraziamenti. Degno di apprezzamento il gemellaggio con la comunità americana di East Harlem di New York che ha la sua festa grazie alla Giglio Society presieduta da Phil Bruno, fra i all’evento bruscianese. Gli americani hanno donato a tutti i protagonisti la riproduzione di un Giglio realizzato dall’altra parte dell’Oceano. Da Brusciano invece è partita una targa ricordo che il sindaco Giosy Romano ha inviato al suo collega di New York Bill De Blasio. Con una piazza XI settembre gremita all’inverosimile la serata si è conclusa con lo spettacolo di Tony Tammaro. Lo slargo è addirittura straripato nella serata conclusiva. Sul palco apertura di Amedeo Minghi. Il cantante è rimasto colpito in maniera particolare dall’accoglienza ricevuta e decide di allungare il concerto di quattro pezzi oltre ai soliti bis. Insomma quando si passa da Brusciano diventa difficile congedarsi. Quindi le premiazioni. Un momento presentato dal giornalista Roberto Esse e dalla madrina Paola Mercurio. Il colpo di scena finale è nelle parole del sindaco Giosy Romano: “Metteremo subito mano all’organizzazione dell’edizione numero 140. Ci saranno novità nel regolamento per non scontentare nessuno procederemo al sorteggio delle postazioni”. Insomma la nuova Festa è già cominciata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com