Quotidiano di informazione campano

Festa dell’albero alla scuola “G. Caporale” di Acerra

La scuola ha bisogno di vivere questi momenti perché gli alunni hanno bisogno di ritrovarsi insieme in un unico obiettivo e sentirsi coesi nella loro identità sociale e culturale.

0

In tutte le scuole italiane si è svolta la Festa dell’Albero  e  la scuola di 1° grado “G. Caporale, ha voluto dare un valore aggiunto a questa giornata.

Infatti, la dirigente scolastica , dott. ssa Anna Iossa, ha posto l’accento sulla secolare origine della Festa e ha illustrato i due momenti della manifestazione: la piantumazione e l’abbraccio all’albero come abbraccio alla conoscenza.

Gli alberi indicano la nascita e la rinascita, lo sviluppo e il radicamento, l’auspicio e la speranza per il futuro e se si rispettano gli alberi e tutta la natura, si rispetta la vita.

La simbologia della Festa dell’albero è stata ricordata anche dal sindaco, dott.  Lettieri che, intervenuto alla festa, ha messo in evidenzia le azioni dell’amministrazione per una positiva risoluzione dei problemi dell’inquinamento, la bonifica dei Regi Lagni e la piantumazione di alberi lungo le strade periferiche di Acerra.

L’Associazione Ari.amo, presente il presidente sig. Filippo Castaldo e il suo staff, ha donato alla scuola Caporale, permettendone la piantumazione nel cortile, un olivo  e un piccolo albero di limoni. Il Sig. Castaldo ha ricordato che non bisogna vergognarsi di venire dalla Terra e c’è un’estrema dignità nel dedicarsi all’agricoltura.

Don Mimì Cirillo ha benedetto gli alberi e tutti gli intervenuti alla Festa in uno spirito cristiano e di fratellanza.

L’orchestra della scuola, sotto la valente guida dei docenti di strumento, ha eseguito due brani ed alcuni alunni hanno letto poesie e cantato un’allegra filastrocca.

Sono state scattate foto dell’abbraccio all’albero  in modo da partecipare al concorso di Legambiente e tutto si è svolto in un clima di calda allegria e di piacevole accoglienza, baciati da un sole splendente.

La scuola ha bisogno di vivere questi momenti perché gli alunni hanno bisogno di ritrovarsi insieme in un unico obiettivo e sentirsi coesi nella loro identità sociale e culturale. Oggi è successo questo e di tutto questo la sottoscritta ha ringraziato tutti promettendo altri momenti densi e significativi per la scuola.

Anna Iossa

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.