Quotidiano di informazione campano

Festival delle Radio Universitarie dal 3 al 5 giugno a San Marcellino.

0

Aperto a tutti. Incontri, workshop, dirette radiofoniche. Venerdì, tra tanti, anche Lillo e ‘La radio ne parla’. Attestati di partecipazione.

Si terrà nel Complesso dei Santi Marcellino e Festo, in Ateneo, dal 3 al 5 giugno la decima edizione del FRU, il Festival delle Radio Universitarie Italiane. La organizza proprio la Federico II con F2 Radio Lab (www.radiof2.unina.it), il suo laboratorio radiofonico universitario, insieme a Raduni, l’Associazione degli Operatori Radiofonici Universitari (www.raduni.org) che ne è l’ideatrice.

L’evento è doppiamente speciale. La manifestazione, infatti, si svolgerà nel cuore della città, in una storica sede dell’Ateneo che negli stessi giorni festeggerà con eventi, che coinvolgeranno la comunità federiciana e la cittadinanza, il suo 792° compleanno. Il FRU rientra tra le iniziative in programma per la seconda edizione di ?Buon compleanno Federico II‘ (www.buoncompleannofederico.unina.it) che culminerà il 10 giugno in un grande evento a piazza del Gesù.

Il Festival porterà a Napoli rappresentanti delle comunità studentesche di quasi tutti gli atenei d’Italia che hanno una radio. Sono previsti oltre 200 partecipanti di almeno 30 radio e rappresentanti di radio universitarie europee che prenderanno parte alla manifestazione rappresentando le partnership internazionali dell’Associazione degli Operatori e delle Emittenti Universitarie in Italia..

La manifestazione, aperta a tutti, si articolerà in tre giorni di incontri, workshop, panel, approfondimenti, trasmissioni in diretta, musica.  Speaker, registi, programmatori musicali, redattori delle web radio universitarie avranno la possibilità di ritrovarsi per confrontarsi, scambiarsi idee, apprendere o perfezionare conoscenze e tecniche, accrescere la loro competenze entrando in contatto con professionisti del settore radiofonico e della comunicazione.

Al centro dell’evento la postazione radio allestita appositamente nel chiostro di San Marcellino. Gli speaker delle varie realtà universitarie si alterneranno ai microfoni per i tre giorni, creando nuove sinergie, sperimentando e raccontando le varie anime dell’evento: collegamenti esterni, speciali e approfondimenti, oltre che tutti i momenti del festival. Sarà possibile inoltre seguire tutte le attività principali del #FRU16 su tutte le radio del network attraverso la diretta condivisa in streaming ritrasmessa da F2 RadioLab.

Per quanto riguarda l’aspetto formativo la manifestazione offre a soci, giovani e studenti numerosi workshop e panel con professionisti del settore. Il decimo festival sarà aperto dall’irriverente verve comica di Lillo (610 – Radio Rai), con “L’ironia in radio”, che si propone di essere un sorta di esperimento radiofonico partecipato; “Fantasia e creatività. Talento in radio” (a cura di Gianni Simioli – RTL e Radio Marte); “La radio fa parlare chi la ascolta” (Ilaria Sotis – Rai Radio 2), Le nuove frontiere della comunicazione” (con  Francesco Piccinini – Direttore di FanPage); “Dall’analogico al digitale. L’evoluzione della regia radiofonica nell’era digitale” (a cura di Fiore Confuorto – Funky Junk – e Massimiliano Morra – Formatore tecnico F2RadioLAB); “Creare un programma culturale in radio” (a cura di Massimiliano Virgilio – Radio3); “Dalla Radio e i Free Press alla social radio e a Leggo – The Social Press. Il circolo virtuoso della contaminazione nella comunicazione” (Alvaro Moretti – Direttore di Leggo) sono solo alcuni dei momenti offerti ai partecipanti per approfondire competenze e know how.

Per partecipare ai workshop e ai panel in programma ci si può anche registrare sulla piattaforma dedicata.

A quanti interverranno sarà rilasciato un attestato partecipazione. Chi prenderà parte alla manifestazione potrà anche proporsi per uno stage di una settimana presso F2Radio Lab dell’Università Federico II, che si svolgerà nel prossimo anno accademico.

http://www.fru16.unina.it/

https://www.raduni.org/fru-2016/

fru@raduni.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.