Quotidiano di informazione campano

Fiamme in casa natale di Al Bano, lievi danni

CRONACA RADIO PIAZZA NEWS-L'episodio a Cellino San Marco, appartamento non è abitato

0

Un incendio di natura dolosa è stato appiccato verso le 4 della scorsa notte al portone d’ingresso di un’abitazione nel centro di Cellino San Marco, in via Di Vittorio, di proprietà del cantante Al Bano Carrisi. L’abitazione, una casa singola, è quella in cui il cantante è nato. Secondo quanto appurato dai carabinieri e dai vigili del fuoco, il rogo sarebbe stato appiccato versando liquido infiammabile su cartoni ammassati vicino all’ingresso dell’appartamento, che non è abitato in quanto il cantante risiede nella Tenuta Carrisi. Le fiamme hanno provocato danni solo al portone d’ingresso dell’abitazione.
“Per me è uno sfregio, doloroso e morale, un bagaglio di amarezza perché a Cellino ho investito tutti i proventi del mio lavoro e da anni offro lavoro a tanta gente”. Così Al Bano Carrisi, a Torino per presentare il suo concerto del 12 maggio, commenta l’incendio doloso appiccato nella notte al portone d’ingresso di una sua abitazione a Cellino San Marco.

“Mi ha chiamato mio fratello Franco, che si sta occupando della cosa, perché io sono fuori”, aggiunge il cantante. “Quella è la mia casa natale, la casa che mio padre mi ha lasciato in eredità – ricorda – e spesso ci porto i miei figli per fargli vedere dopo sono nato”. Al Bano si dice “molto segnato” dal gesto. “Non so se ho sbagliato qualcosa nei confronti di qualcuno, non so darmi la benché minima spiegazione – conclude -. Non è escluso sia un atto di follia ed è quello che spero e che voglio credere”. “Sono già andato via da Cellino una volta nel 1961, me ne posso andare ancora adesso nel 2016” ha aggiunto il cantante.

“Per me – spiega – quella casa rappresenta il cuore, le radici. Senza riscaldamento, con un grande camino che insieme al calore umano bastava a riscaldare gli unici tre ambienti. All’interno ogni cosa è rimasta al suo posto, niente è stato toccato. E’ come se avessero bruciato un presepe. Vergogna”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.