Quotidiano di informazione campano

FINE SETTIMANA CON LUNGOMARE A PAGAMENTO

Lopa e Catapano (MNS) L’occupante di Palazzo San Giacomo Robin Hood all’incontrario leva ai poveri alla città di Napoli per dare alle multinazionali

In una nota il Movimento Nazionale per la Sovranità esprime il proprio disappunto per lo sconto che l’effimero di Palazzo San Giacomo ha autorizzato per una manifestazione ai fini commerciali che si è tenuta alla Rotonda Diaz del lungo mare di Napoli. Questo fine settimana il lungomare ha ospitato un evento musicale a pagamento di una nota multinazionale di prodotti per aperitivo, organizzato per la sponsorizzazione di uno dei suoi prodotti più i voga nei vari locali ed esercizi di intrattenimento. Siamo lieti che la città partenopea abbia ospitato e organizzi eventi del genere con la presenza di artisti di calibro nazionale, ma riteniamo assurdo che in una città in dissesto dove a causa dello stesso non vengono garantiti i servizi di base il comune applichi ad una iniziativa di natura commerciale lo sconto dell’ 80% della tassa COSAP, sconto pari a €17.000,00, poiché considerata manifestazione a carattere commerciale di particolare rilevanza per l’interesse pubblico. Ci chiediamo quale ricaduta in termini turistici o pubblicitari ci sono stati per tale evento? La risposta è …nessuna oltre naturalmente alle spese che cadranno sui cittadini e sulla città. Infatti per garantire svolgimento delle varie fasi dell’evento, si è posto in chiusura tutta via Caracciolo, poiché parte della carreggiata e usata per montare e smontare le casse per acquistare i biglietti e assistere alla manifestazione, cosi dall’utopico lungomare liberato, in realtà chiuso che quando piove diventa lungomare  allagato, si è messa mano anche al lungomare a pagamento che a generato grandi problemi di viabilià per i cittadini. Il sindaco del popolo, come si definisce lui, in realtà è altro che un Robin Hood all’incontrario; toglie ai poveri, alle casse comunali e ai cittadini napoletani, per dare ai ricchi(noto marchio del gruppo  multinazionale quotata in borsa che fattura quasi 2miliardi di euro all’anno) che con la vendita dei biglietti, c’è stato un notevole introito per le sue casse. Forse la risposta è una sola, nello spot dell’evento c’era scritto che per un giorno il lungomare verrà colorato di arancione, il colore del movimento del sindaco il quale in uno dei suoi momenti di delirio di onnipotenza non ha saputo resistere a vedere il suo tanto amato lungomare, ma in realtà abbandonato visto lo stato di degrado in cui versa, colorato di arancione. Cosi i Dirigenti Nazionale del Movimento Nazionale per la Sovranità, di Gianni Alemanno, Alfredo Catapano, Responsabile regionale del Commercio e Artigianato e Rosario Lopa, Commissario Provinciale di Napoli e provincia.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.