Quotidiano di informazione campano

Fiorentina-Napoli 1-1: Higuain risponde ad Alonso, ma la Juve ora è a +3

0

Un chilo e mezzo in più e un gol e mezzo al Franchi. Beh, per Higuain e il Napoli i conti con la bilancia non tornano un granché: perché se il Pipita non avesse trovato i guanti di Tatarusanu sulla propria strada, sarebbe stata una dieta molto più proficua per l’argentino e per il suo Napoli. Invece tra la Fiorentina e gli azzurri finisce 1-1, e la Juve, ora a +3 su Sarri, può progettare un tentativo di fuga nelle prossime giornate. Due gol in un minuto, e poi due legni e una valanga di occasioni. Con un Napoli brutto per un tempo ma che resta a galla e rischia anche di vincere nel finale. Davanti ad Andrea Della Valle, tornato allo stadio dopo quasi due mesi di assenza (mancava dal 9 gennaio) Sousa invece può sorridere: questa Viola è stata agganciata dalla Roma al terzo posto ma vale la Champions e se la giocherà fino alla fine, e venerdì sera c’è lo scontro diretto all’Olimpico con i giallorossi…

Testa a testa Fiorentina-Napoli. Al Franchi va in scena una partita intensa e spettacolare: 1-1 il risultato finale. Ma quante emozioni! Reuters

RAZIATI — Avrebbe potuto capitolare già dopo i primi 45 minuti, la banda di Sarri. Perché la Viola la butta sul ritmo, e ne ha di più: aggressiva e affamata di palloni, la Fiorentina passa al 6’ sugli sviluppi di un corner (Alonso si alza sereno per infilare di testa in mezzo alle statue azzurre che osservano la scena), ma i brividi a Reina li mette con le percussioni in movimento. E il Napoli? Baricentro sempre più basso, Allan e Jorginho risucchiati in mezzo, idee confuse: irriconoscibile. Se non fosse per la traversa, che ferma prima Kalinic e poi Tello, e per l’imprecisione di Badelj, che sfiora il palo con un rasoterra dal limite, Allegri e i suoi ragazzi qualche chilometro più in là avrebbero potuto tranquillamente cambiare canale nell’intervallo e godersi un film sul divano con la certezza di andare a dormire con 4 punti di vantaggio sugli inseguitori. Ma il Napoli resta in gara. Nonostante la più brutta versione di se stesso mostrata in stagione (assieme a quella del Dall’Ara nel k.o. col Bologna) e nonostante la quota tiri più bassa dopo i primi 45 minuti in questo campionato, appena due. Non è un caso, infatti, che il gol del pareggio sia arrivato per un regalo in disimpegno dei viola, con Alonso che pasticcia con Tatarusanu e “serve” Higuain 67 secondi dopo aver sbloccato il match. Brutto, barcollante e graziato dagli avversari per un tempo, ma resta in piedi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.