Quotidiano di informazione campano

Francesco Amoretto: “Rosaria rivive nella poesia vincitrice del premio “Città di Tramonti”

0

Si è conclusa, con una straordinaria cerimonia, la XI Edizione Premio Artistico Letterario Città di Tramonti in Memoria del compianto poeta Pietro Tagliaferro, scomparso alletà di 31 anni.  Location della premiazione laccogliente Villa Comunale, sita  a poca distanza dai Monti Lattari tra una vegetazione da incanto con viste sul mare delle suggestive località turistiche di Amalfi e Maiori.

Questanno il premio  è stato dedicato anche allo sport, inteso come disciplina contro le devianze.  Per questo non sono mancate personalità quali lallenatore della Sampdoria Delio Rossi, il dott.  Alfonso De Nicola, responsabile staff Sanitario Calcio,  Napoli;  Francesco Romano, procuratore sportivo; Massimo Taibi, ex portiere responsabile settore giovanile Modena FC; David Mounard e Roberto Breda, rispettivamente capitano-giocatore della Salernitana e  allenatore. Dulcis in fundo Giampiero Mughini, scrittore-giornalista, opinionista televisivo ed Enrico Varriale, giornalista sportivo Rai.

Sentire era il tema del premio di questanno. Varie le Sezioni e Categorie. Dopo il saluto del sindaco della cittadina Amalfitana, il dott. Antonio Giordano, si è iniziato col premiare i poeti in erba del luogo, studenti delle scuole del territorio.

La Giuria del Premio composta dal presidente prof. Umberto Giordano; da Vincenzo Savino, assessore alla cultura e sport;  Pasquale Amato, presidente del Forum dei giovani di Tramonti;  dalla prof.ssa Luisa Patrizio Millo, dirigente scolastico, per la Sezione fotografia  ha premiato Caterina Lieto da Tramonti;  per la pittura Daniele Ernesto da Capaccio; per la narrativa a Roberta Selan da Pordenone; per la poesia in lingua italiana Marco Malaga da Roma; per la poesia in vernacolo,  ritenuto anche il premio più ambito, si è classificato al 1° posto il poeta nonché attore e regista teatrale, lamico Francesco Amoretto da Cercola, con la lirica in dialetto napoletano dal titolo Te sento o me lusingo?, dedicata alla moglie scomparsa pochi  mesi addietro.

Invitato a recitare la sua poesia, Francesco ci ha messo tutta lanima e tutta la sua bravura accumulata in ben 36 anni di attività teatrale, raccogliendo consensi ed applausi e seminando emozioni indescrivibili! Una declamazione che ha messo daccordo tutti: giurati, sportivi, giornalisti, altri poeti e il pubblico intervenuto in massa: circa settecento persone!

E non solo, perché la motivazione della giuria ha commosso tutti, compreso Amoretto.  <<IL RICORDO DI UN VERO AMORE TI AIUTA A VIVERE MEGLIO>> è stato immortalato sullattestato consegnato al Cercolese 1° classificato!

E tutto questo Amore ce lo spieghiamo in qualche confidenza che ci ha fatto lo stesso Amoretto:  <<Rosaria  era da tutti ben voluta. Pensate, ci siamo fidanzati ufficialmente il 14 febbraio del 1966. Io 16 anni lei 14. Era la festa degli innamorati. Lo scorso 14 febbraio Rosaria mi chiese di festeggiare i 47 anni che stavamo insieme. Mi diceva continuamente: Perchè dobbiamo aspettare 50 anni?. Forse già sentiva che non ce l’avremmo fatta!!!>>

 

A ricordare momenti di unesistenza unica e sensazioni strappacuore resta la poesia vincitrice. Una confessione, un testamento spirituale di un Amore, di unIntesa senza fine, nel quotidiano e nellarte di una Vita che non sarà più la stessa, anche se queste intense e struggenti  parole evocanti frammenti di quel vissuto,  anima e corpo! hanno la capacità di tessere quel filo che li legherà per sempre anche se le mani non riusciranno più a toccarsi, anche se le labbra non riusciranno più a sfiorarsi perché in quellaffermazione finale carica di significati: Tuo marito Franco fino allaldilà! cè luniverso infinito di sentimenti mai spenti, che scavalcano le nuvole e vanno a poggiarsi sulla panchina delle emozioni mai dome, nella stanze della mente che non ammette devianze oltre i sentieri dellAssoluto!

 

Eccola!

TE SENTO O ME LUSINGO!?

 

Te sento dinte bbracce tutte juorne,

te sento npiette a me tutte mumenti,

te sento dinte ccervelle a tutte llore,

dinte vvene ogni sicondo, te sento e cammenà,

sj o sanghe miope me fa campà!

 

Mò me lassatema io te sento sempe;

te sento nparavise ncumpagnie cù llangeli,…

è o vero posto chè tammeretave;

e ssufferenze nun e ssiente cchiù!

Mo me lasciate sule ncoppa stà terra,

e dinta nà casa grossa e larga assaje,

addo io sento ancora e tè o profumo e femmina!

 

Te sento ancora dinta stì quattesejeottodiece muri,

addò nzieme avimme campate,

addò nzieme avimme sentute,

addò nzieme ngiavimme spartute

o male e o bbene e chesta vita nosta.

 

Te sento ancora e cammenà pe ddinte stanze

te sento ancora quanne mettive a ccucenà

te sento ancora quanne mettive a fa o ccafè,,,,

sento ancora e rummure dè servizie e case,

sento a presenza toja fore o balcone

quante arracquave e rrose  è e viole

e senteveme e vvoce  dè canarie a dinte ccajole

che pà priezza salutavene a TEa Padrona e casa.

 

Mò, so nomme distruttome lusingo ca,

 te tengo ancora ccà, vicino a me,

ma sento npietto core chè  vacante,

è rimasto purisso sulo commà mmé,

e tè chiaggnimme nzieme tutte dduje

e amaramente jesce fore a verità!…

E ccommè amara stà verità!

E ccommè brutta stà verità!

E nù veleno stà verità

chi o ssàsi tenga forza daccettà!

 

Nun te sento cchiù dinta stì bbracce,

e canarie nun e sento cchiù e cantà,

nun sento cchiù nù rummore dinta casa,

nun sento cchiù e sbattere e ccaccavelle,

e servizie e case nun e ssaccio fà

o ccafè, mo vaco a ppiglià o bbar!

 

< Lusingame natu ppoco >, diceve nà canzone,

e io me stò lusinganne e te tenè ancora

è nun me faccio ancora capace,

che nun te tengo cchiù!

Ma sento ancora dinte vvene o sanghe tuoje

cà me dà a forza e campà pè figli è pè neputi nuosti

cà campano lontani, ma gioiscene nzieme a mè,

sj tutte juorne vengo a ddò Te

a te truvà o Campusante

o vero Munno A Verità,

addò a pace staje truvanne,

è finalmente staje veramente arrepusanne!

 

DA RADIO PIAZZA CAMPANIA

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.