Quotidiano di informazione campano

GARA 1 PLAYOFF SERIE B2 VOLLEY VOLLA – RIONETERRA POZZUOLI 3-2 (24-26, 25-18, 25-19, 15-25, 15-13)

VOLLA MOSTRA TENACIA E CARATTERE SUA LA PRIMA SFIDA, UN PLAYOFF ADRENALINICO

0

Una battaglia vera, con colpi di scena degni dei miglior film trhiller, così si può riassumere gara 1 fase 2 dei playoff per l’accesso in B2 tra Volley Volla e Rione Terra Pozzuoli, presso il palazzetto dello sport di via Argine nella palestra Ivan Meriggioli dove in questa prima battaglia la spunta Volla.

Gara dalle forti emozioni e da brividi, come quello più toccante e sentito lungo un minuto, tutto in memoria di un ragazzo del volley, il cui sorriso, la cui umanità e generosità hanno accomunato in questi giorni tanti pallavolisti, che ancora una volta rivolgono a Carmine Spelta il silenzio di un minuto, per dirgli ancora quanto importante sia stato per loro e per la pallavolo campana tutta la sua presenza, che c’è e vive nel ricordo dei tanti che lo hanno amato e continuano a farlo e che non potranno, non sarà permesso, dimenticarlo.

La partita è una battaglia vera che già nel primo set ha il suo primo colpo di scena, le squadre partono entrambe contratte, il Volla sbaglia molto nel fondamentale dai 9 metri. Quando finalmente dopo la strigliata di mister Vallefuoco, i vollesi cominciano a giocare, ecco che si nota la differenza, Libraro l’opposto vollese è incontenibile e il Volla proprio con lui in battuta si porta avanti 24-20, poi si spegne la luce nella metà campo vollese, buio totale, con Palumbo in battuta, che pur battendo float piedi a terra, in zona di conflitto, crea lo scompiglio, mister Vallefuoco prova a chiamare il tempo, per interrompere la serie, ma la squadra sembra bloccata, non reagisce, pesantissimo parziale di 0-6, c’è il completo ribaltamento, da 4 possibili set point, il set è conquistato dai puteolani.

Una mazzata che abbatterebbe un toro, il Volla no, stavolta tira fuori davvero il carattere e si riporta subito in partita, con Di Grazia e Settembre in buona evidenza, Salvatore che contiene in difesa Di Napoli, che quando viene murato due volte di seguito da Settembre si spazientisce, il Volla ne approfitta, argina bene a muro con Di Costanzo, mentre in attacco Libraro tira sempre a tutto braccio e Volla conquista il set, parità, si ricomincia.

Si ricomincia con caparbietà e autorevolezza, Libraro e Settembre sono davvero un riferimento importante per Riccio, che trova con Di Costanzo l’intesa migliore e si diverte ad invitare i suoi a segnare il nome nel tabellino punti, il Rione terra sembra smarrito e con i nervi a fior di pelle in un eccesso di protesta, dopo un primo avvertimento, arriva il rosso su una plateale protesta di Matano su una chiamata arbitrale.

Il gran pubblico accorso si scalda, il Volla continua a tenere bene il campo, anche dopo il cambio di De Vito con Ferrara, si conferma vincente nel terzo parziale, che domina letteralmente e anche Riccio ascrive il suo nome nello score dei punti, con una palla di seconda, che coglie impreparato Della Monica subentrato a Palumbo; nel set mister Cirillo dà spazio anche ai fratelli Romano e Giardino che entra a dare respiro a Porzio.

Il quarto set vede un inizio con il Volla che continua a giocare con scioltezza, poi di nuovo qualcosa si inceppa, una lunga pausa a metà set dopo il tempo tecnico che riaccende le speranze di Pozzuoli, che con Frongillo e Amato al centro si fanno trovare pronti, Di Napoli riprende a tirare a tutto braccio e D’Amore non fa cadere più una palla, Volla si blocca e Vallefuoco non può che cercare di attingere dalla panchina energie e lucidità che chi è in campo sembra aver smarrito, un timido accenno di ripresa, ma è solo un fuoco di paglia, con Pozzuoli che conquistato un largo margine, fa suo il set.

Si decide tutto al tiebreak, il vento ancora una volta sembra volgere a favore di Pozzuoli, che nel quinto set, sospinto dal pubblico, si porta in vantaggio e al cambio campo si porta 8-5, il vento che soffia su questa gara cambia direzione con facilità, il Volla ha un sussulto di orgoglio, Settembre si fa trovare pronto, tutti nel campo vollese decidono di non far cadere palla a terra e palla dopo palla, prima impattano 11-11, poi si portano 14-12, i sostenitori del Volla fanno sentire la loro voce, stavolta la beffa del primo set non può ripetersi, i puteolani annullano una palla match, ma sull’attacco mani out di Settembre non possono più nulla. Il primo round è finito, che battaglia, che carattere i vollesi, che reazione, Volla c’è! Ora si pensa alla gara di Pozzuoli, mercoledì altra sfida al cardiopalma, vietato mancare e tenetevi pronti per forti emozioni!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.