Quotidiano di informazione campano

Genitore 1 e Genitore 2: storia di una polemica che ritorna

Madre e padre o genitore 1 e genitore 2? Cosa viene indicato sulla modulistica relativa ai minori nel nostro Paese? Ci sono stati dei cambiamenti nel tempo? Scopriamolo insieme.

La storia dell’indicazione di genitore 1 e genitore 2 sulla modulistica del nostro Paese risale al 2013, quando venne avanzata la proposta di inserirla al posto delle voci padre e madre.

Inizialmente la dicitura fu adottata da un liceo romano (il Mamiani) poi l’allora Ministro dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza, la introdusse nella modulistica per l’iscrizione all’anno scolastico 2014/2015. Una dicitura, quindi, che non riguarda la totalità dei documenti ma solo alcuni dei moduli che i genitori devono compilare e firmare periodicamente. Ad esempio: iscrizioni ai nidi di Venezia, Bologna e Bari.

L’argomento è tornato sulla bocca di tutti perché il Ministro degli Interni, Matteo Salvini, ha dichiarato “mi è stato segnalato che sul sito del ministero dell’Interno, sui moduli per la carta d’identità elettronica c’erano genitore 1 genitore 2. Ho fatto subito modificare il sito ripristinando la definizione madre e padre. È una piccola cosa, un piccolo segnale, però è certo che farò tutto quello che è possibile al Ministero dell’Interno e che comunque è previsto dalla Costituzione”.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.