Quotidiano di informazione campano

GENNARO SAVIO: “NEL GIORNO DELLA FESTA DEL LAVORO, AUGURO ALLE LAVORATRICI E AI LAVORATORI DEL NOSTRO PAESE DI LIBERARSI PRESTO DALLE CATENE DELLO SFRUTTAMENTO PADRONALE”

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

In un Paese degno di poter essere definito civile, il 1° Maggio dovrebbe rappresentare un giorno di Festa per le lavoratrici e i lavoratori italiani i quali, invece, a causa dell’infame sistema economico e sociale capitalistico che soffoca diritti e speranze, sono costretti a subire sfruttamento, povertà, disoccupazione, discriminazioni e  disuguaglianze. E oggi rattrista il cuore dover constatare che la classe lavoratrice italiana dopo il tradimento subito dai vertici dell’ex PCI e da quelli della CGIL vendutisi alle perverse logiche del capitale, si sia rassegnata a patire angherie e soprusi dalla razza padrona la quale, approfittando della cosiddetta crisi economica, si sente autorizzata a sfruttare ancora più disumanamente i propri dipendenti. Inoltre, grazie alle ultime controriforme del lavoro con cui centrodestra e centrosinistra sono arrivati persino a cancellare l’Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, le masse popolari del nostro Paese vivono uno dei periodi più bui della storia repubblicana fatto di precarietà, sfruttamento, disoccupazione e povertà. Condizioni disumane che hanno spinto molti anche al suicidio. Ecco perché oggi non c’è nulla da festeggiare, ma solo da lottare. L’augurio che faccio alle lavoratrici e ai lavoratori italiani, quindi, è quello di riprendere presto la lotta di classe per vedersi riconosciuti i propri diritti. Una lotta che per essere definitivamente vincente deve inevitabilmente passare per il superamento dell’infame sistema economico e sociale capitalistico e la costruzione del Socialismo con cui si metta fine al barbarico sfruttamento dell’uomo sull’uomo e si garantiscano a tutti uguaglianza economica e sociale. E il partito Comunista Italiano Marxista-Leninista guidato dal Segretario generale Domenico Savio di cui mi onoro di essere un umile militante, lavora da sempre a questa prospettiva. Personalmente nel giorno del 1° Maggio mi piace ricordare mio nonno Gennaro Savio perché se sino ad oggi, tra non poche difficoltà, ho dedicato la mia intera esistenza a battermi per la tutela degli interessi dei più deboli, lo devo solo ed esclusivamente agli insegnamenti e all’esempio suo e di mio padre Domenico. E non a caso a mio nonno Gennaro, nato nel 1913 e morto nel 1997, negli anni scorsi a Forio è stata intitolata una strada quale “Difensore dei diritti dei lavoratori”.

 

 

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.