Quotidiano di informazione campano

GENNARO SAVIO: “SI RIMUOVANO I DUE PINI PAUROSAMENTE INCLINATI PRESENTI ALL’ESTERNO DELLA SCUOLA ELEMENTARE ‘GUGLIELMO MARCONI’ DI ISCHIA”

Link video:https://www.youtube.com/watch?v=NYFz9B1c2ek

Nel comune di Ischia continua a preoccupare la piaga dei pini seccati e moribondi a causa dell’insensibilità politica degli amministratori comunali degli ultimi decenni che nel tempo non hanno avvertito il dovere di farli curare adeguatamente onde evitarne la morte. Sono decine e decine quelli presenti lungo le strade centrali del paese e nelle pinete pubbliche che vanno immediatamente rimossi costituendo un potenziale pericolo per la pubblica incolumità. Dobbiamo doverosamente dare atto che a seguito di una dura battaglia politica, sociale e mediatica portata avanti dal Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista, guidato dal Segretario generale Domenico Savio, negli ultimi tempi qualcuno di questi mastodontici alberi a potenziale rischio crollo è stato rimosso, in modo particolare nella pineta Mirtina, in via Leonaro Mazzella e nel parcheggio di Fondobosso. Ma sono ancora tanti quelli che vanno abbattuti prima che creino danni a cose e persone. A cominciare da quelli che si trovano sui marciapiedi di via Alfredo De Luca, nei pressi dell’ingresso laterale della scuola elementare “Guglielmo Marconi”. Sono malaticci, ma la cosa che preoccupa di più è la loro impressionante inclinazione. Uno, in modo particolare, ha una pendenza a dir poco paurosa, con la base del tronco che sembra si stia staccando dal selciato che risulta sollevatosi a causa dei movimenti del pino. Ma com’è possibile che all’esterno di una scuola e su di un marciapiede del centro cittadino quotidianamente attraversato da centinaia e centinaia di pedoni, soprattutto da bambini, si possa tollerare la presenza di un “mostro” simile che se malauguratamente dovesse crollare potrebbe causare una strage? Ma stiamo scherzando? E pensare che a seguito di un censimento il suddetto pino è stato segnato con della pittura rossa in quanto ritenuto pericoloso ma dopo mesi non è stato ancora abbattuto. Si aspetta prima che crolli? Sindaco Enzo Ferrandino, ma possibile che neppure quando c’è  da tutelare l’incolumità dei più piccoli siete latitanti? Sull’altra parte del marciapiede, poi, un altro pino malaticcio è fortemente inclinato e andrebbe rimosso ma, incredibile a dirsi, dal comune è ritenuto sicuro visto che è stato segnato con della pittura verde: assurdo! Intanto, su via Alfredo De Luca i pini malati non solo non vengono curati, ma neppure potati creando enormi problemi di sporcizia sui marciapiedi e all’esterno degli esercizi commerciali che operano in zona. Cosa si aspetta a potarli e ad abbattere quelli secchi? Possibile che apriamo una nuova stagione turistica in questa situazione da terzo mondo? Dopo ave sperperato centinaia di migliaia di euro per eseguire lavori inutili e dannosi a piazza degli Eroi con il restringimento di uno snodo stradale strategico e fondamentale per la viabilità ischitana, da due anni circa dal suo insediamento, l’amministrazione Ferrandino non ho avuto la volontà politica di trovare una soluzione per ridare dignità e sicurezza a via Alfredo De Luca: che vergogna!  Il PCIM-L, unica forza politica di opposizione a Ischia nonostante non ancora presente in Consiglio comunale, nel chiedere nuovamente con forza un intervento dell’amministrazione comunale, continuerà a battersi affinché i pini secchi e malati vengano sostituiti con nuovi alberi su tutto il territorio comunale.

Gennaro Savio

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.