Quotidiano di informazione campano

GENOVA OGGI 14 AGOSTO 2019 DA UN ANNO DA CADUTA DEL PONTE MORANDI

CRONACA RADIO PIAZZA NEWS UN ANNO DOPO

Il dramma del Morandi per paradosso può trasformarsi in una occasione per riavviare il volano produttivo in direzione contraria. La ricostruzione del ponte sarà un primo tassello di un piano di risistemazione della zona a occidente del torrente Polcevera che dovrà cambiare volto e restituire ad una porzione della città storicamente asservita ad attività industriali (L’acciaieria Arcelor Mittal, ex Italsider, a Cornigliano) e commerciali un assetto più leggero e rispettoso della vita delle persone che ci abitano. Un upgrade di qualità della vita che come primo passo prevede la costruzione, sotto le arcate del nuovo ponte, la sistemazione di una vasta area a parco urbano, battezzato parco del Mare.Un’idea fortemente sostenuta da Renzo Piano che si sta prodigando con generosità per aiutare Genova ad uscire dal tunnel. Piano, la genovesissima archistar e senatore a vita, ha regalato alla sua città, che ama con il trasporto entusiasta dell’migrante (di lusso), il progetto del nuovo Ponte che verrà costruito dall’Ati (associazione temporanea d’impresa) “Per Genova”, formata da Fincantieri e Salini Impregilo. I tempi sono contingentati. A fine giugno sono state fatte cadere le pile superstiti (10 e 11) attraverso una ardita operazione condotta con esplosivi, le spettacolari immagini hanno fatto il giro del mondo. Lunedì scorso è stata eliminata l’ultima pila superstite del crollo, la 9. Ora l’area è completamente libera e la ricostruzione può mettere le ali ai piedi. La prima struttura della nuova pila 9 è già stata collocata e i lavori proseguiranno a ritmo serrato, non si interromperanno neppure durante la commemorazione di stamane, salvo che nella limitata zona destinata alla cerimonia. Il sindaco Bucci si mantiene ottimista e insiste nel fissare la conclusione dei lavori fra nove mesi, ovvero maggio/giugno del 2020. Sarebbe un mezzo miracolo.CRONACA RADIO PIAZZA NEWS

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.