Quotidiano di informazione campano

Giornata internazionale dei diritti umani 2014

Università di Padova, Palazzo del Bo, Aula Magna, mercoledì 10 dicembre 2014, ore 10.30

0

Il Centro di Ateneo per i Diritti Umani e la Cattedra Unesco Diritti Umani, Democrazia e Pace celebrano la Giornata Internazionale dei Diritti Umani 2014 all’insegna di “Abbiamo Diritto alla Pace”.

L’evento assume quest’anno un rilievo particolarmente significativo in ragione del fatto che si avvicina a 300 il numero di Comuni, Province e Regioni che hanno approvato l’Ordine del giorno per il riconoscimento internazionale della pace quale diritto fondamentale della persona e dei popoli. Il protagonismo sarà dei Sindaci, delle Scuole, degli Studenti e dei Volontari impegnati a costruire la pace dal basso e far sentire la propria voce direttamente in seno alle Nazioni Unite.

Informazioni, programma e modulo di iscrizione: http://bit.ly/10dicembre2014_abbiamodirittoallapace

>> Nazioni Unite

Dichiarazione per il riconoscimento internazionale del Diritto umano alla pace

In questi mesi, al Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite è in discussione il testo di una Dichiarazione per il riconoscimento internazionale del Diritto umano alla pace. Riconoscere giuridicamente la pace come un diritto umano fondamentale significa liberarsi dall’abbraccio mortifero delle sovranità armate per entrare nella sfera dei diritti e delle libertà fondamentali, la cui radice sta nella dignità umana incarnata nel supremo diritto alla vita.

Lo scenario mondiale delle guerre e dei conflitti violenti è preoccupante, ancor più lo è in prospettiva se non intervengono coraggiosi atti di discontinuità. L’iniziativa del Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite è uno di questi atti, a condizione di saperne cogliere la portata istituzionale e politica.

In queste settimane, sono in corso a Ginevra le consultazioni informali, condotte dal Presidente dell’apposito Gruppo di lavoro intergovernativo del suddetto Consiglio, per la messa a punto del testo di Dichiarazione. Si ha notizia che le opposizioni al prosieguo dei lavori, addotte da non pochi stati, anche occidentali, permangono. Il rischio è che l’originaria bozza di Dichiarazione venga dirottata su un binario morto o che se ne stravolga la ratio.

Si tratta ora di intensificare democraticamente la pressione affinché il Gruppo intergovernativo possa concludere il proprio lavoro coerentemente col mandato assegnatogli, che è quello di produrre un documento che esplicitamente riconosca il diritto alla pace con correlati obblighi giuridici, non che riproponga generiche indicazioni per una generica cultura di pace.

Documenti e informazioni

>> Campagna internazionale

Enti locali: l’Ordine del Giorno per il diritto umano alla pace

Si avvicina a 300 il numero di Comuni, Province e Regioni che hanno approvato l’ordine del giorno a sostegno di una Dichiarazione delle Nazioni Unite per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace, promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, dal Centro di Ateneo per i Diritti Umani e dalla Cattedra Unesco Diritti Umani, Democrazia e Pace dell’Università di Padova. Questo Ordine del giorno continua ad essere diffusamente adottato in ogni parte d’Italia dagli Enti locali e regionali che fanno riferimento alla “norma pace diritti umani” presente nei rispettivi Statuti.

Per iniziativa del Comune di Strasburgo, 63 membri del Congresso dei Poteri Locali e Regionali del Consiglio d’Europa figurano tra i primi firmatari del Memorandum “Pace: un diritto per tutti”. Il Memorandum sostiene l’iniziativa del Consiglio diritti umani a favore di una Dichiarazione delle Nazioni Unite sul diritto umano alla pace e plaude alla campagna internazionale lanciata dagli Enti locali e regionali italiani e dall’Università di Padova.

Abbiamo diritto alla pace!

Ordine del Giorno per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace.

>> Marcia Perugia-Assisi

Studenti e volontari dell’Università di Padova alla Marcia per la Pace Perugia-Assisi, 19 ottobre 2014

Cinquanta studenti e volontari in servizio civile dell’Università di Padova, coordinati dal Centro di Ateneo per i Diritti Umani, hanno partecipato nei giorni 18 e 19 ottobre 2014 alla Marcia per la Pace Perugia-Assisi 2014. Sabato 18, arrivato ad Assisi, il gruppo ha partecipato al convegno “Illuminiamo le periferie del mondo” nella sala stampa del Sacro Convento, promosso da Articolo21. Domenica 19 gli studenti e i volontari hanno partecipato in maniera attiva all’intero percorso da Perugia ad Assisi, portando 28 cartelli con la scritta “Diritto umano alla pace” in 28 lingue diverse, a sostegno della campagna per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace. Nella tappa di fronte alla Basilica di San Francesco ad Assisi, Milena Anzani e Oldian Metaj, studenti e volontari in servizio civile all’Università di Padova, attorniati da cinquanta Sindaci e dagli altri studenti, hanno letto il documento preparato dal Centro che inizia con: “Noi, membri dell’unica famiglia umana e dei popoli delle Nazioni Unite abbiamo diritto alla pace”.

Materiali disponibili:

Nel canale YouTube il video Abbiamo diritto alla pace! Marcia Perugia-Assisi, 19 ottobre 2014, relativo alla lettura del Documento “Abbiamo diritto alla pace” preparato dal Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell’Università di Padova.

galleria fotografica della Marcia per la Pace Perugia-Assisi, 18-19 ottobre 2014;

 

>> Pubblicazioni

Special issue on the right to peace, Rivista “Pace diritti umani – Peace Human Rights”, 2-3/2013

This special issue hosts numerous essays (among others, Christian Guillermet Fernandez, David Fernández Puyana, Douglas Roche, Wolfgang S. Heinz) and a substantial collection of documents.

Centro Diritti Umani/Marsilio Editori, 2013

 

Il diritto alla pace è un diritto fondamentale della persona e dei popoli

Commento al Messaggio di Papa Francesco “Fraternità, fondamento e via per la pace” per la 47a Giornata Mondiale per la Pace, 1 gennaio 2014

Prof. Antonio Papisca, Human Rights Academic Voice, 2013

Articolo 28 – Abbiamo diritto alla pace

Commento del Prof. Antonio Papisca, Cattedra UNESCO “Diritti umani, democrazia e pace”, dell’articolo 28 della Dichiarazione universale dei diritti umani.

 

La pace, dono divino e diritto della persona e dei popoli

Saggio del Prof. Antonio Papisca scritto per la Giornata di preghiera e digiuno per la pace del 7 settembre 2013 indetta da Papa Francesco.

 

Pace Diritti Umani Agenda Politica

Idee e proposte sulla via istituzionale alla pace

Marco Mascia, Antonio Papisca, I Quaderni del Centro Diritti Umani, Padova: Cleup, 2011

 

Il Diritto della dignità umana

Riflessioni sulla globalizzazione dei diritti umani

Antonio Papisca, Venezia: Marsilio, 2011

 

La pace come diritto umano: vox populi, ma non ancora dell’UNESCO

Antonio Papisca, in Pace diritti umani – Peace human rights, 2/2005

>> Altre news e approfondimenti per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace, periodo marzo-novembre 2014

Consiglio d’Europa: al Congresso dei Poteri Locali e Regionali è stato presentato il Memorandum “Pace: un diritto per tutti”

Obiettivo del Memorandum è quello di considerare la Pace come una questione universale di prioritaria importanza, una causa comune che riguarda tutti gli individui e i popoli del mondo. Al momento hanno sottoscritto il Memorandum 63 delegati provenienti da Italia, Francia, Regno Unito, Federazione Russa, Repubblica di San Marino, Norvegia, Armenia, Repubblica di Moldavia, Romania, Polonia, Svizzera, Serbia, Germania, Malta, Lituania, Portogallo, Georgia, Repubblica Ceca …

 

Geneva Peace Week: la prima settimana della Pace a Ginevra, 17-21 novembre 2014

Attraverso la realizzazione di eventi, incontri e seminari sul tema della pace, la Settimana, promossa dall’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra (UNOG) e dalla Peacebuilding Platform di Ginevra (Geneva Peace Building Platform) ha favorito il dialogo e il confronto tra le diverse Organizzazioni e Associazioni presenti a Ginevra per giungere a risposte innovative nei processi di costruzione della pace

 

Delegazione dei rappresentanti degli Enti locali italiani al Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace, Ginevra 23 giugno 2014

Una delegazione di Sindaci, in rappresentanza dei Consigli delle Città che hanno approvato l’Ordine del giorno per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace, ha consegnato copia delle delibere all’Ambasciatore Christian Guillermet, Presidente del Gruppo di lavoro intergovernativo del Consiglio Diritti Umani …

 

A valanga i Comuni italiani stanno deliberando sul diritto umano alla pace

I Comuni dimostrano così di volere essere partecipi di un processo in atto al Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite, teso a mettere a punto una solenne Dichiarazione sul diritto umano alla pace …

 

Diritto alla pace: il consigliere giuridico del Presidente-Rapporteur del Gruppo di lavoro del Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite incontra gli studenti dell’Università di Padova

Il Gruppo di lavoro intergovernativo del Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite ha il mandato di mettere a punto il testo di una Dichiarazione delle Nazioni Unite sul diritto umano alla pace. …

 

Nazioni Unite: Giornata Internazionale della Pace 2014. Con il patrocinio del Consiglio Regionale del Veneto, il 20 settembre all’Università di Padova incontro con i Sindaci per il diritto umano alla pace

Sindaci, amministratori comunali, rappresentanti di organizzazioni di società civile del Veneto si sono incontrati con il Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell’Università di Padova per dare ulteriore impulso alla campagna per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace

 

Il Centro Diritti Umani dell’Università di Padova alle Nazioni Unite per il riconoscimento della pace come diritto umano fondamentale

Il 23 giugno 2014 la campagna è giunta all’ONU con una missione di società civile e di amministratori locali, per la consegna dei primi 100 Ordini del giorno per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace approvati da Consigli comunali, provinciali e regionali …

 

Nazioni Unite: in occasione della Giornata Internazionale della Pace si svolge l’edizione annuale dei Geneva PeaceTalks 2014

L’evento, che si è svolto il 19 settembre presso la Sala XVII di Palais des Nations, ha riunito persone provenienti da contesti e settori diversi in una piattaforma di dialogo e di confronto sul diritto alla pace. Con il tema scelto Let’s talk Peace, l’iniziativa ha enfatizzato l’importanza della comunicazione e del dialogo quali strumenti alla base di un nuovo concetto di pace …

 

L’Italia per il Diritto alla Pace. A 100 anni dalla prima guerra mondiale l’Italia si mobilita per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace

Giovedì 3 luglio 2014 una delegazione di amministratori locali ha consegnato al Presidente della Commissione Diritti Umani del Senato Luigi Manconi e alle altre autorità presenti le delibere approvate dagli enti locali italiani per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace, e l’appello sottoscritto da centinaia di personalità laiche e religiose del nostro Paese …

 

Il Consiglio Regionale del Veneto ha approvato l’ordine del giorno per il riconoscimento internazionale della pace come diritto fondamentale della persona e dei popoli

Il Consiglio Regionale oltre a sostenere l’iniziativa del Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite, chiede al Parlamento e al Governo italiano di partecipare attivamente alla messa a punto del testo della Dichiarazione delle Nazioni Unite sul diritto umano alla pace …

 

Fondazione Paz sin fronteras: “La pace ha la tua firma”, petizione per il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace

Lo scopo di questa iniziativa è quello di raccogliere, in tutto il mondo, il maggior numero possibile di firme da presentare poi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite per ottenere sul piano internazionale il riconoscimento della pace come un diritto umano fondamentale …

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.