Quotidiano di informazione campano

Giornata scientifica per “Vesuviando – Arte e Cultura all’ombra del Vesuvio” promosso dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

0

Domenica 28 settembre, un appuntamento racchiude il leitmotiv di tutto il progetto “Vesuviando – Arte e cultura all’ombra del Vesuvio” promosso dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). La magnifica Sede Storica di Ercolano del più antico osservatorio vulcanologico al mondo, l’Osservatorio Vesuviano, attuale sezione di Napoli dell’INGV, farà da sfondo all’esibizione della jazzista Karima Hammar, e alla messa in scena della suggestiva teatralizzazione dell’eruzione del Vesuvio del 1944, organizzata dall’associazione NARTEA.

Sarà la giornata fulcro del progetto Vesuviando, in cui il Vesuvio verrà posto al centro dell’attenzione, con le sue eruzioni, la ricerca scientifica e le attività di monitoraggio che su di esso si svolgono.

Il vulcano verrà mostrato come forza modellatrice del territorio, mentre i settant’anni trascorsi dall’ultima eruzione del Vesuvio, avvenuta nel marzo del 1944, saranno lo spunto per focalizzare l’attenzione su questo vulcano e sulla sua lunga storia di interazione con il territorio circostante. Obiettivo dell’evento sarà proporre l’Osservatorio Vesuviano-INGV come punto d’incontro e riferimento per la diffusione della conoscenza sull’attività dei vulcani.

Partendo da una visione a 360° di tutto ciò che il vulcano partenopeo ha da offrire, l’Osservatorio si pone come un centro d’interesse all’insegna dell’avanguardia, con visite guidate multimediali ed un centro di documentazione visiva, che faranno rivivere e conoscere i momenti salienti dell’attività del vulcano e la storia dell’Osservatorio stesso, a partire dalla sua fondazione nel 1841.

La giornata di eventi inizierà alle 16.30 con incontri con ricercatori e proiezione di filmati sulla storia eruttiva e lo stato del vulcano, per poi dar spazio agli eventi di spettacolo citati. Tutto ciò contribuirà a veicolare in modo spettacolare e coinvolgente informazioni corrette sulla pericolosità e sulla mitigazione del rischio vulcanico. Inoltre verrà celebrato e ricordato il ruolo delle Forze Alleate nel portare aiuto alle popolazioni colpite dall’ultima eruzione vesuviana, ulteriormente aggravate dal secondo conflitto mondiale, all’epoca in corso.

Ampio spazio sarà dato anche alla valorizzazione dei prodotti tipici locali, con i produttori locali che offriranno una degustazione delle specialità dell’enogastronomia delle falde del Vesuvio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.