Quotidiano di informazione campano

Il Governo Renzi concede a Brusciano lo sforamento del patto di stabilità. Il Sindaco Giosy Romano: “La risposta che auspicavo con lo svincolo di queste somme”

Con il decreto relativo all’ Edilizia Scolastica il Presidente del Consiglio accoglie l’apposita richiesta avanzata dal Sindaco Giosy Romano.

0

Il nuovo governo Renzi permette a Brusciano ed altri cinque comuni della Campania, di poter spendere circa 1 milione di euro per l’edilizia scolastica, senza che questo incida sul patto di stabilità.“Ho risposto immediatamente alla richiesta del Presidente del Consiglio che chiedeva di indicare le priorità scolastiche rappresentandogli l’aberrante situazione di Brusciano dove pur avendo un finanziamento fin dal 2008 non aveva sospeso i relativi fondi tanto che il Commissariato di Governo ne chiedeva la restituzione. Ho ottenuto dal Presidente Renzi che ringrazio – puntualizza il primo cittadino – la risposta che auspicavo con lo svincolo di queste somme dal patto di stabilità per il biennio 2014-2015. Ora mi attende un’altra battaglia quella di convincere il commissariato straordinario di governo a farmi fare i lavori. I fondi, infatti, sono stati commissariati perché non spesi negli anni precedenti. Condurremo fino in fondo la battaglia per realizzare scuole più sicure e più belle”. Dichiara raggiante il sindaco di Brusciano, Giosy Romano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.