Quotidiano di informazione campano

Guerra tra i clan a Scampia, oggi vertice in prefettura

0

Il rischio che una nuova faida possa insanguinare Scampia sarà valutato nel corso del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato per oggi. Prevista la presenza del sottosegretario all’Interno, Carlo De Stefano.

Dopo l’ultimo agguato costato la vita a Gennaro Ricci e il ferimento di altre due persone, le preoccupazioni diventano sempre più gravi. Nel quartiere vecchi e nuovi gruppi criminali potrebbero a sfidarsi a colpi di morti ammazzati per il controllo delle piazze di spaccio. Un affare ghiotto che nessuno intende lasciarsi sfuggire e che già nel 2004 ha scatenato la guerra tra gli uomini del clan Di Lauro, capeggiato da Ciruzzo ò milionario, ora in carcere, e un gruppo di ex fedelissimi, che deciso di mettersi in proprio, e per questo denominati gli ‘scissionisti’.

Da qualche tempo sarebbe attiva una nuova formazione: quella dei ‘girati’, dapprima inquadrati negli scissionisti e che ora avrebbero deciso di mettersi in proprio per mettere le mani sul fiume di droga – dalla cocaina e alla eroina – che ogni giorno viene venduto a Scampia. I sicari, entrati in azione nella serata di ieri, hanno sparato per uccidere utilizzando forse due pistole calibro 9X21. E l’obiettivo – così confermato dalle modalità dell’agguato – era proprio Gennaro Ricci, considerato dagli investigatori un emergente.
La scorsa settimana a Terracina è stato ucciso Gaetano Marino. Bisognerà accertare se l’omicidio di martedì sera possa essere legato a quello di Marino. Intanto, c’é chi come il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, chiederà per Scampia misure eccezionali ed ha lanciato un appello al ministro degli Interni, Cancellieri. Ieri, il presidente della Municipalità, Angelo Pisani, ha chiesto l’invio dell’Esercito per arginare il rischio di una nuova faida. Lo spettro è il 2004-2005, periodo di una vera e propria mattanza con decine di morti lasciati sull’asfalto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.