Quotidiano di informazione campano

I medici Veterinari della Campania chiedono spazio in vista della Fase 2

Anche il Sud nel coro delle proteste dopo l'infelice dichiarazione dell'onorevole Baldini

Il mondo della medicina Veterinaria alza i toni e fa sentire la sua voce. A scatenare la scintilla che ha fatto insorgere la categoria è stata la dichiarazione, (quantomai inopportuna, considerato il momento delicato) della deputata di Fratelli d’Italia Maria Teresa Baldini che ha criticato la decisione del Governo di assumere 18 dirigenti veterinari accanto ai 40 medici previsti nel bando.

Sull’argomento è intervenuto con un appello il sindacato italiano Veterinari Medicina Pubblica (Sivemp) che in una nota ha sottolineato che le parole della parlamentare hanno umiliato la categoria e l’hanno invitata a rivedere il giudizio espresso.

 

Già in precedenza c’era stata una petizione online concepita dai medici veterinari Gianni Tumino e Paolo Boni, rivolta al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Salute e al  Ministro dell’Agricoltura per chiedere proprio che la medicina veterinaria fosse tenuta in debita considerazione nella gestione delle epidemie e delle patologie emergenti.

Al coro si unisce anche Vincenzo Peretti professore del dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali della Federico II che si rivolge al Governatore della Campania Vincenzo De Luca invitandolo a puntare deciso su queste professionalità in vista della delicata fase 2 ormai alle porte.

 

“Per cominciare a camminare verso la normalità a pieno regime e con la presenza di esponenti di tutto il mondo scientifico regionale –spiega in un comunicato –  chiediamo di allargare la collaborazione (senza oneri aggiuntivi), per una ripartenza regionale nella quale la Medicina Veterinaria è pronta a fare la sua parte. Oltre alla collaborazione per i tamponi attualmente processati nei laboratori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, ci sono altri importanti aspetti da tenere presenti”.

 

L’attenzione, oltre ai settori citati da Tumino e Boni, deve concentrarsi anche su fattori importanti   come: “Il monitoraggio e controllo della fauna selvatica e la convivenza tra questa, la biodiversità zootecnica e le attività umane. Non abbiamo –prosegue il professore Vincenzo Peretti- nulla da inventare, non servono nuovi progetti, basterebbe semplicemente far scendere in campo il Centro Centro Regionale per il Monitoraggio e la gestione dell’AgroEcosistema della Campania (Mogae), istituito tra l’Assessorato Agricoltura ed il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali della Federico II”.

 

La conclusione non può che essere che la seguente: “Iniziamo subito, non possiamo aspettare. Alcune immagini –conclude- che girano sui social stanno già dimostrando una notevole presenza di animali selvatici in aree e centri urbani, e magari anticipiamo (alcune già in atto) quelle problematiche che molto presto diventeranno ulteriori tragedie nel difficile quadro dell’emergenza e non mi riferisco solo a quelle economiche”.

 

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.