Quotidiano di informazione campano

I SINDACI CONTRO SALVINI SU DECRETO SICUREZZA E CHIUSURA DEI PORTI AI MIGRANTI

Ad aprire questa contesa è stato il sindaco di Palermo Orlando appoggiato da quello di Napoli e Firenze. Il primo cittadino Palermitano ha deciso di sfidare il ministro dell’Interno, sospendendo l’applicazione delle norme del decreto Sicurezza recentemente approvato dal Parlamento che negano la possibilità di concedere la residenza a chi ha permesso di soggiorno anche per motivi umanitari (contenute nel Dl Sicurezza) altri sindaci manifestano propositi analoghi. “Noi seguiamo la Costituzione”, assicura il sindaco di Napoli, Luigi Da Magistris che sfida Salvini anche sulla vicenda della nave Sea Watch con a bordo 32 migranti per il momento riparata nelle acque Maltesi in cerca di un porto per sbarcare.  De Magistris si è reso disponibile ad aprire il porto di Napoli, ma Salvini ha già risposto che i porti italiani saranno chiusi, creando un braccio di ferro anche su questa questione.
Il sindaco di Firenze Martella, spiega che “la nostra disobbedienza è di sicuro civile, non faremo niente di illegale”, ma un ministro che minaccia i sindaci non si è mai visto, dice riferendosi a Salvini. “Non ci faremo intimorire”, aggiunge Nardella e il sindaco 5 Stelle di Pomezia (Roma) Zuccalà dice che l diritti basilari vanno dati.. Ma Orlando dice  “Non arretro, non c’è motivo, ho assunto una posizione che non è ne di protesta nè di disubbidienza, nè di obiezione di coscienza. Ho assolto alle mie funzioni istituzionali di sindaco”. Il sindaco dichiara che si rivolgerà anche alla magistratura sul provvedimento che rende chi hs un permesso di soggiorno senza diritti, dice Orlando.
Salvini replica anche ad Orlando; “Orlando vuole disobbedire? Disobbedisci non ti mando l’esercito, Polizia o Carabinieri”. Il ministro dell’Interno su Facebook a proposito delle disposizioni del sindaco Palermitano che ha detto di non applicare le norme del Decreto Sicurezza.
“Mi spiace per l tuoi concittadini che stanno intasando la mia casella mail, con tutti i problemi che abbiamo dei sindaci che si occupano dell’immigrazione clandestina” dice Salvini nella consueta diretta social..
Intanto il sindaco di Bari Da Caro che è anche presidente dell’Anci chiede un incontro urgente con il governo per rivedere alcune norme che sono finite nel mirino del sindaci.

Nicola Valeri per la Gazzetta Campana

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.