Quotidiano di informazione campano

IERI TANTISSIMI D’ANNI PER IL MALTEMPO SULL’ADRIATICO

CRONACA TROMBA D'ARIA

Si attenua la fase di maltempo, e si inizia la conta dei danni, dopo che mercoledì una tempesta di vento, pioggia e grandine, aveva colpito la costa adriatica da Milano Marittima a Pescara, dove sono caduti 120 millimetri di pioggia in meno di un’ora. Ma mentre il ritorno alla normalità è stato rapido in alcune località, in particolare a Milano Marittima, il bilancio è particolarmente grave in Abruzzo dove strade sono franate, e coltivazioni risultano distrutte. E un tornado e violente grandinate in Grecia, dove sono morti sei turisti stranieri e 30 persone sono rimaste ferite nel nord della penisola Calcidica.

Una diga è crollata nei dintorni di Pedro Alexandre, a circa 400 km da Salvador, capitale dello Stato brasiliano di Bahia, a causa delle forti piogge che hanno colpito la regione. Lo ha reso noto l’emittente Globo News, precisando che non ci sono ancora informazioni su possibili vittime e la Protezione Civile non ha precisato a chi appartiene la diga. Lo scorso 25 gennaio il crollo di un’altra diga a Brumadinho aveva provocato la morte di circa trecento persone.

Una tempesta che ha sradicato alberi, sfondato tetti e parabrezza delle auto, allagato l’ospedale di Pescara costretto allo stop delle sale operatorie, abbattuto 200 pini secolari a Milano Marittima. E provocato il ferimento di decine di persone. Era stata ampiamente prevista l’intensa ondata di maltempo che ha colpito il litorale adriatico, dalla costa romagnola al Molise, ma forse era stata sottovaluta la violenza e gli esiti che sono stati certamente peggiori di quanto temuto. Il fronte temporalesco, accompagnato da forti raffiche di vento, si è spostato lungo la fascia costiera adriatica da nord verso sud dalla mattina fino al primo pomeriggio. Pescara, dopo una pioggia intensa preceduta da una lunga e violentissima grandinata, con chicchi grossi come arance, è una città impraticabile. Molti i feriti dalla grandinata: la maggior parte delle persone che si sono recate in ospedale presentano infatti ferite lacero contuse in testa proprio a causa della super grandine. Il sindaco Carlo Masci avvisa: “Vigili e operai sono tutti in strada ma non sono sufficienti a gestire l’emergenza”. E il prefetto di Pescara Gerardina Basilicata spiega che “i centralini delle forze dell’ordine sono stati presi d’assalto e intasati da tantissime chiamate”. Anche l’ospedale di Pescara è colpito dal maltempo: l’acqua ha invaso il piano terra e costretto allo stop delle sale operatorie. Completamente allagati i seminterrati, le cucine e la farmacia. Nel parcheggio dipendenti l’acqua ha raggiunto i due metri e decine di auto sono andate distrutte. Nel pomeriggio sono entrati in azione i sommozzatori dei carabinieri: da una prima ispezione pare che nessuno sia rimasto intrappolato nelle vetture. E’ un bollettino di guerra quello che arriva dal resto dell’Abruzzo, con un elenco di danni in continuo e preoccupante aggiornamento. E i Vigili del fuoco non riescono a far fronte al numero di chiamate per tegole cadute, tetti e lucernari sfondati, alberi spezzati e allagamenti. I sindaci dei comuni costieri di Vasto, San Salvo e Casalbordino hanno attivato i Coc (Centro operativo comunale) e chiederanno a Regione e governo lo stato di calamità naturale. A Vasto Marina in alcune zone manca la corrente elettrica. Anche l’Emilia Romagna fa i conti col temporale. A Milano Marittima, la frazione balneare del Comune di Cervia (Ravenna), tutto si è consumato in 10 minuti. Una tromba d’aria ha danneggiato oltre 2.200 alberi, di cui 1.000 nella pineta ora impraticabile. Danni anche a 5 stabilimenti balneari e 10 edifici privati. La stima dei danni, per la sola parte pubblica, è pari a 2 milioni. L’ondata di maltempo ha raggiunto anche il litorale molisano costringendo ad interrompere i collegamenti con le Tremiti. Le Marche intanto contano i danni: a Numana, dove ieri una tromba d’aria ha devastato alcuni stabilimenti balneari, si è recato il il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli. In serata si registrano disagi per il maltempo sul Gargano. Danni si lamentano anche per l’agricoltura. Dall’inizio dell’estate si conta una media di sei grandinate al giorno, il doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con effetti devastanti sulle coltivazioni: lo ricorda Coldiretti sulla base dei dati ESWD (European Severe Weather Database). Dal Veneto all’Emilia Romagna, dalla Toscana alle Marche è partita la conta dei danni, che potrebbero ammontare a milioni di euro. Il maltempo eccezionale ha arrecato danni pesanti ad alcune strutture sulle spiagge e rischia di compromettere la stagione balneare in alcune località. Ora è corsa contro il tempo per salvare l’estate.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.