Quotidiano di informazione campano

Il bruscianese Antonio Di Maiolo vince la Coppa Maria Santissima della Stella ad Adelfia (Ba)

Adelfia (BA) ­ Il bruscianese Antonio Di Maiolo ha dimostrato di avere un feeling particolare con la città di Adelfia (Bari) e con la gara più antica che ad oggi si disputa in terra di Puglia.

0

La Coppa Maria Santissima della Stella, valida come prova del Trofeo dei Tre Mari per la categoria juniores, sembra proprio fatta su misura per le caratteristiche del velocista campano della Zerokappa Asd che, a distanza di un anno, è riuscito e rimettere il sigillo in volata sulla 65° edizione battendo allo sprint Leonardo Fanfulla (Convertini Junior Team) e Luigi Matrone (Imperiale Grumese).

Nel facile circuito di 24,5 chilometri, ripetuto quattro volte attorno Adelfia e Acquaviva delle Fonti, in tanti hanno provato la fuga ma senza soluzione di continuità con la Convertini Junior Team che ha controllato magistralmente la situazione nei due passaggi sotto l’arrivo con Angelo Lucarella e Fabio Marzano in evidenza ai traguardi volanti conquistati rispettivamente al secondo e al terzo giro.

Inevitabile lo  sprint a  ranghi  compatti dove Di  Maiolo ha  cercato di farsi largo nonostante la  concorrenza della Convertini Junior Team (Fanfulla e Carmine Francesco Anilli) imponendosi con autorità davanti allo stesso Fanfulla e a Matrone con i due piazzati che hanno completato il podio per questioni di centimetri.

Felicità alle stelle per Di Maiolo, atleta di Brusciano (Napoli), 18 vittorie in carriera, ben 16 tra gli esordienti, che è ritornato a vincere ad Adelfia quando la corsa si disputò in promiscuità con la categoria allievi: “Ero in buona posizione negli ultimi 100 metri – ha commentato Di Maiolo ­. Nonostante il vento a sfavore, questa vittoria corona il buon periodo di forma che sto attraversando. Ringrazio la famiglia Cozzolino, i diesse Francesco Luongo e Carlo Tessitore per la fiducia e penso sia l’anno buono per vincere qualche altra corsa ”.

Dopo Canosa di Puglia, ancora un podio per Fanfulla, che ha ricevuto nel dopo corsa gli elogi dal suo compagno di squadra Alessandro Monaco (vincitore nel 2014 ad Adelfia quando la corsa era aperta anche agli allievi), prossimo all’esperienza in maglia azzurra con la nazionale di Rino De Candido alla Corsa della Pace in Repubblica Ceca.

“Inizialmente c’è stata un po’ di amarezza per il mancato successo – ha esordito Fanfulla, barese, in carriera campione regionale pugliese di ciclocross tra gli allievi e 2 vittorie tra gli esordienti ­ ma va bene lo stesso questo secondo posto.

Sinceramente essendo stato chiuso ai 150 metri non pensavo proprio di recuperare il gap da Di Maiolo. I complimenti di Alessandro Monaco? Sono io che devo farli a lui e anche a nome di tutta la nostra squadra perché è un corridore forte, valoroso e siamo stati noi a portarlo verso questo traguardo della maglia azzurra che riempie di orgoglio noi e tutto lo staff della Convertini Junior Team “.

Messo da parte un difficilissimo inverno per via della  mononucleosi  che gli ha compromesso buona parte della preparazione, il corridore di Scafati (Salerno), Luigi Matrone, nono un anno fa ad Adelfia, ha tentato il tutto per tutto di acciuffare la vittoria: “ Ho dato tutto quello che potevo, fino agli ultimi metri ero in testa poi sono stato superato da Antonio Di Maiolo al quale faccio i complimenti e spero di prendermi la rivincita in una prossima volata “.

Piena soddisfazione da parte del comitato organizzatore della Polisportiva Velo Club Adelfia che ha trovato sostegno e appoggio dall’amministrazione comunale con in testa il sindaco­assessore allo sport di Adelfia Vito Antonacci, il vice sindaco­assessore alla cultura Franco Ferrante e l’assessore alla pubblica istruzione Rosa Gargano, oltre alle autorità federali con la presenza di Pasquale De Palma, presidente FCI Puglia, Giovanni Monaco,  vice presidente FCI Puglia, Pino Marzano,  responsabile struttura tecnica strada e pista FCI Puglia, Lorenzo Spinelli, presidente provinciale FCI Bari, Carmine Acquasanta, presidente FCI Basilicata, e Prospero Di Dio, responsabile struttura tecnica strada FCI Basilicata, senza dimenticare la sicurezza garantita in toto lungo il percorso dai Carabinieri, dalla Polizia Locale e Provinciale, dalla Polizia Provinciale  e dalle Motostaffette  Potenza di Gianfranco De Felice (nelle foto, a sinistra: premiazione della Zerokappa, a destra: la volata finale).

La Coppa Maria Santissima della Stella è un patrimonio del ciclismo pugliese e del Sud Italia che continua ad andare avanti nel segno della tradizione e della passione messa in campo dallo storico sodalizio adelfiese con il petto gonfio d’orgoglio a testimonianza della riuscitissima edizione 2015 grazie anche al caloroso pubblico che ha seguito tutte le fasi della corsa dall’inizio alla fine e mantenuto fede alla gloriosa manifestazione ciclistica giovanile più antica della Puglia.

 ORDINE D’ARRIVO

  1. 1. Di Maiolo Antonio (Zerokappa A.S.D) 98 in 2.29’, media 39,463
  2. 2. Fanfulla Leonardo (Convertini Junior Team)
  3. 3. Matrone Luigi (A.S.D. S. Imperiale Grumese)
  4. 4. Anilli Carmine Francesco (Convertini Junior Team)
  5. 5. Filippetti Andrea (A.S.D. Bike Team San Severo)
  6. 6. Scriboni Luca (Rinascita)
  7. 7. Casalnuovo Gaspare (Convertini Junior Team)
  8. 8. Fonzi Lorenzo (Vini Fantini Nippo ­ Free Bike)
  9. 9. Varacalli Matteo Domenico (Team Sword)
  10. 10. Baldoni Alessandro (Ponte Cycling Team)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.