Quotidiano di informazione campano

Il Club Roma Saviano organizza il torneo “Tifo ma non odio”. Presente Antonella Leardi, mamma di Ciro Esposito.

0

SAVIANO –“Tifo ma non odio”, questo il nome del triangolare di “pace calcistica” che si terrà domani pomeriggio 18 giugno dalle ore 16 in poi presso lo stadio comunale “Peppino Pierro” di Saviano e che vedrà fronteggiarsi tre squadre veramente speciali, Juventus Club Casamarciano, Napoli Club San Gennaro Vesuviano e Roma Club di Saviano. A rendere ancora più speciale questo torneo organizzato dal Roma Club Saviano in collaborazione con il gruppo di pace tra tifosi “Tifo Roma ma non odio il Napoli…” e la società Goeldlin srl, ci saranno le presenza di Antonella Leardi -ossia della mamma di Ciro Esposito che, dopo aver presentato il suo libro “Ciro Vive”, darà il calcio di inizio del triangolare- e di Ettore Viola –figlio del noto e compianto presidente giallorosso Dino-, proprio a testimoniare il clima di pace calcistica dell’evento in questione. Ad elevare ancor di più il nobile intento del triangolare in questione c’è il patrocinio morale offerto all’iniziativa dai comuni di San Gennaro Vesuviano, Saviano e Scisciano.

“Abbiamo fortemente voluto questo triangolare –afferma Nicola Romano, presidente del Roma Club Saviano- proprio per dimostrare coi fatti che il tifo è passione e mai odio. Il nome del triangolare è stato scelto dal mio amico Sergio Sbarra (avvocato civilista vesuviano e tifoso romanista fondatore del gruppo di pace calcistica “Tifo Roma ma non odio Napoli, ndr.) e devo dire la verità è subito piaciuto a tutti. Voglio ringraziare tutti –conclude Romano- per la disponibilità mostrataci, ma in particolare le amministrazioni che ci sono state vicine e la mamma di Ciro Esposito e l’amico Ettore Viola”. “Domani pomeriggio –esordisce euforico l’avvocato Sergio Sbarra, noto anche come esperto gastronomico col nome di “Avvocato Gourmet”- per me si corona un sogno. Sono di Napoli ed amo Napoli e tutto ciò che è napoletanità, ma da sempre tifo Roma e, mi creda, questo odio tra tifosi non lo comprendo proprio. Voglio ringraziare –prosegue Sbarra- l’amica Antonella Leardi, napoletana vera e madre coraggiosa che sta mostrando nel mondo il migliore volto della nostra città, per aver sposato la nostra causa e l’imprenditore Antonio Goeldlin che ha vestito tutte e tre le squadra partecipanti al torneo. Un grazie vero al fratello Nico –si riferisce a Nicola Romano, ndr.- ed a tutti i soci del Roma Club Saviano –conclude il civilista sangennarese- per aver sposato la nostra iniziativa”. I racchettapalle del torneo saranno i ragazzi della scuola calcio Figli del Vesuvio di Torre Annunziata.

Porteranno il loro saluto, proprio a suggellare che si tratta di un torneo di pace calcistica, i ragazzi del “Lazio Club Campania”. Il triangolare in questione finirà con il classico… botto. Infatti, dopo le premiazioni di rito (coppe per le tre squadre e targhe speciali per il miglior portiere ed il miglior giocatore) Paolino Natale, patron della ristopizzeria Genuino di Nola, offrirà gratuitamente delle pizze… proprio a dire che siamo a Napoli.

– See more at: http://www.sciscianonotizie.it/index.php/component/k2/item/746-saviano-tifo-ma-non-odio#sthash.83wnvnto.dpuf

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.