Quotidiano di informazione campano

Il Colonnello Mungivera parla de “Il cancro della corruzione” alla biblioteca “Giancarlo Siani” di Cercola

Il Colonnello Mungivera parla de “Il cancro della corruzione” alla biblioteca “Giancarlo Siani” di Cercola Venerdì 2 ottobre 2015 Biblioteca “Giancarlo Siani”, Caravita – Cercola (NA) ore 17.

0

Sarà presentato venerdì 2 ottobre alle ore 17 presso la biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di Cercola il libro “Il cancro della corruzione” scritto dal Colonnello dei Carabinieri Claudio Mungivera ed edito da Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Interverranno, oltre all’autore, la Preside dell’Istituto “De Luca Picione” Mariarosaria Stanziano, il Sindaco del Comune di Cercola Vincenzo Finego, il vice sindaco Luigi Di Dato e il Tenente dei Carabinieri Gaetano Vrola.

 Il colonnello Mungivera vanta un curriculum importate: ha comandato, tra l’altro, il Nucleo Operativo di Palermo; ha svolto servizio di Stato Maggiore alla Regione Carabinieri Piemonte-Valle d’Aosta; e da anni svolge servizio di Responsabile della Sicurezza presso la NATO. E’ stato insignito più volte per atti di eroismo. Il testo, una cui buona parte è dedicata alla Terra dei Fuochi e al disastro ambientale che da tempo ormai condanna la città partenopea, ha ben due altre peculiarità: la prefazione scritta da Manfredi Borsellino, figlio di Agnese (a cui l’autore dedica il libro) e Paolo Borsellino, e il vero destinatario dell’opera, ovvero il centro di ricerca Tumori dell’Istituto Pascale di Napoli a cui verrà trasferito l’intero ricavato della vendita del volume. “La criminalità, la corruzione non si combattono soltanto con i carabinieri… E allora quello che un giornalista ‘giornalista’ dovrebbe fare è informare”: il “giornalista Giornalista” che ha pronunciato queste parole più di 30 anni fa è Giancarlo Siani. Venerdì 2 si parlerà di criminalità e corruzione proprio nella biblioteca a lui dedicata perché “Le persone per scegliere devono sapere, devono conoscere i fatti”.

Maria Consiglia Izzo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.