Lo scrivente Pecoraro Giovanni, quale rappresentante legale di uno dei primi organismi di mediazione iscritto al ministero di Giustizia e titolare di camera arbitrale dal 1995, con circa 100 sedi operative sparse sull’intero territorio nazionale, regolarmente riconosciute dal citato Ministero espone il proprio punto di vista su quanto riportato in oggetto..

Il DDL Pillon su separazione e affido, non è un omaggio  alle categorie professionali, al contrario è un riequilibrare e un bilanciare dei rapporti tra la coppia in disistima reciproca, che spesso hanno una ricaduta  non soltanto sui figli minori, ma anche su tutto ciò che li circonda. Il disegno di legge Pillon, elimina le “partigianerie”, riduce i costi di Giustizia, e potenzia la figura di professionisti in mediatori civili, già abituati a verificare i rapporti controversi tra la coppia. Con la  mediazione civile obbligatoria, le coppie in crisi hanno risolto più dell’80% delle controversie patrimoniali, con costi ridottissimi e con reciproca soddisfazione per l’accordo raggiunto per mezzo di un mediatore e/o mediatrice – competente per materia – imparziale, terzo e neutrale,  designato da un organismo di mediazione iscritto presso il ministero di Giustizia. Il DDL Pillon, come detto,  non è un omaggio a nessuna categoria  professionale e non è una legge eccezionale aggiuntiva. Bisogna far presto per evitare  che mentre si discute nel “palazzo”, all’interno delle coppie in crisi  si consumino altri fatti drammatici. Per questo motivo, Vi chiedo la disponibilità  a voler ricevere un nostro  eventuale parere scritto o verbale (con audizione diretta presso la Commissione), relativo al DDL , intitolato ” “Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità“ per la parte inerente  la mediazione civile.

Distinti saluti.

Firmato

Giurista d’impresa Dott. Giovanni Pecoraro RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO PER LA GAZZETTA CAMPANA

Leggi altre Notizie

Il Nola spreca e si ferma sul pari: con l’Angri è 1-1 Dopo l’iniziale vantaggio di Gonzalez il Nola non la chiude e pareggia Il Nola non conferma la vittoria di Portici e allo Sporting non va oltre il pari con l’Angri allenato dall’ex Carmelo Condemi. Un gol per parte, un’espulsione a squadra ed un vento fastidioso che ha dato non pochi grattacapi ai due team. Il primo tempo, infatti, è avaro di emozioni e di trame di gioco. La gara esplode nel secondo tempo. Al 55′ Palmieri viene atterrato in area di rigore, dal dischetto si presenta Gonzalez che è glaciale e non sbaglia. La gara si apre ma il Nola non ne approfitta e in ben due occasioni Palmieri non trova il gol da ottima posizione. L’Angri serra i ranghi e resiste e, dopo aver colpito anche un palo esterno, trova il pari al 66′ con il neo entrato Varsi che approfitta di una dormita della difesa nolana. Nell’occasione Cassata viene però espulso: durante i festeggiamenti il numero 10 grigiorosso si arrampica sulle pareti divisorie e si fa ammonire, secondo giallo per lui e Angri in 10. Il Nola accelera ma non trova la via del gol e, anzi, a 5′ dal termine finisce in 10 per il doppio giallo a Castagna. 5 punti per il Nola in 3 gare ma il ruolino di marcia non è ancora efficace per lasciare l’ultima posizione. Prossimo appuntamento, cruciale, domenica prossima ad Aprilia. DICHIARAZIONI “Il vento ha sicuramente condizionato il primo tempo, che è stato brutto, ma nella seconda frazione siamo usciti fuori bene – ha affermato a fine gara mister Ferazzoli – E’ un buon risultato ma dobbiamo fare di più, questa squadra difende in maniera troppo molle ancora. Le gare si possono vincere anche 1-0 e dobbiamo essere lucidi. Nulla è perduto perchè la lotta è ancora serrata, ma dobbiamo migliorare ancora“. “Dispiace per il risultato, dopo l’1-0 qualcosa non ha funzionato – ha dichiarato Sergio Gonzalez, autore del gol – La situazione è difficile ma non molliamo, è ancora lunga. Il gruppo è forte e lo dimostra il fatto che Claudio Sparacello ha lasciato a me il rigore pensate del vantaggio“. TABELLINO Reti: Gonzalez 56′ (N), Varsi 66′ (A). Nola 1925: Zizzania, Sepe, Di Dona (80′ Valerio), Piacente, Russo, Gonzalez (71′ Manfrellotti), Staiano, Ruggiero (86′ Adorni), Sparacello, Palmieri, Castagna. A disposizione: Landi, Lucarelli, Franzese, Kean, Lame, D’Angelo. Allenatore: Giuseppe Ferazzoli. Angri: Bellarosa, Riccio, Liguoro, Manzo, Pagano, Vitiello (89′ Langella), De Rosa (86′ Fiore), Cassata, Acasta (57′ Varsi), Aracri, Fabiano. A disposizione. Oliva, Della Corte, Palladino, Visconti, Giordano, Sall. Allenatore: Carmelo Condemi. Arbitro: Nigro di Prato (assistenti Tagliaferro di Caserta e De Simone di Roma 1). Note: ammonito Bellarosa per l’Angri; espulsi per doppio giallo Castagna per il Nola e Cassata per l’Angri. Ufficio Stampa Società Sportiva Nola Calcio www.nolacalcio.com