Quotidiano di informazione campano

Il tutto accade accanto al parco-giochi quotidianamente frequentato da centinaia di bambini e con quattro oche che sembrano malate e moribonde

GENNARO SAVIO DENUNCIA LO STATO DI ABBANDONO IN CUI LE OCHE SONO COSTRETTE A VIVERE NELLA PINETA MIRTINA, SENZA CIBO E IN UNA PRECARIA SITUAZIONE IGIENICO-SANITARIA E SOLLECITA IL SINDACO ENZO FERRANDINO: “SEI PREGATO DI INTERVENIRE IMMEDIATAMENTE QUALE MASSIMA AUTORITA’ SANITARIA DEL PAESE” GENNARO SAVIO.

In difesa del decoro urbano gli amministratori comunali si preoccupano, udite, udite, di vietare alla cittadinanza di camminare a torso nudo mentre tengono l’intero territorio in un indecoroso stato di abbandono sociale. A partire dalla centralissima pineta Mirtina dove anche le ochette pagano lo scotto del malgoverno e dell’immobilismo dell’amministrazione in carica. Il PCIM-L guidato dal Segretario generale Domenico Savio chiede al Primo cittadino un intervento ad horas affinché il recinto che ospita le oche venga immediatamente pulito e sanificato.

Ieri lunedì 6 luglio 2018, nel mentre attraverso una diretta streaming su FaceBook definivamo politicamente e amministrativamente “ridicola” l’ordinanza del sindaco di Ischia con cui si vieta alla cittadinanza di girare a torso nudo, in quanto la sua amministrazione continua a non avere il minimo rispetto del decoro urbano tenendo il paese letteralmente osteggio del degrado e dell’abbandono sociale, con dei commenti alcuni cittadini ci segnalavano, preoccupati, il precario stato igienico-sanitario in cui è tenuto il recinto che nella pineta Mirtina ospita le oche. E così oggi, appena ne abbiamo avuto la possibilità, ci siamo recati nel centralissimo parco pubblico per constatare di persona quale fosse la reale situazione igienico-sanitaria in cui vivono le oche. E così come abbiamo potuto appurare che vivono in un vero e proprio “cesso”. Il laghetto, nel quale galleggiano anche cartacce e buste di plastica che cercano di ingerire in mancanza di cibo, è putrido ed evidentemente l’acqua non viene sostituita da mesi. Le oche, di cui quattro sembrano seriamente malate o moribonde, non hanno cibo da mangiare e l’acqua che dovrebbero bere presente in alcune vaschette, è anch’essa putrida e di colore marrone. La cosa grave è che questa intollerabile, incivile, indecorosa, pericolosa e a dir poco precaria situazione igienico-sanitaria, si trova al centro del parco-giochi quotidianamente frequentato da centinaia e centinaia di bambini residenti e turisti: che vergogna! Ma com’è possibile nel 2018 tollerare, tra l’alto col caldo torrido di questi giorni, una situazione del genere in un luogo pubblico frequentato dai bambini? Ma stiamo scherzando? Sindaco Enzo Ferrandino e amministratori tutti, ma vi rendete conto della gravità della situazione venutasi a creare in pineta e che rappresenta il frutto del vostro totale immobilismo amministrativo? Il Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista, guidato dal Segretario generale Domenico Savio, nel denunciare pubblicamente l’assurdo stato di sporcizia e di potenziale pericolo igienico-sanitario in cui versa l’intera area e, contestualmente, nello stigmatizzare l’azione politica antipopolare, sciatta e di totale immobilismo che caratterizza l’amministrazione in carica che per questo motivo tiene l’intero paese ostaggio del degrado sociale più assoluto, chiede al sindaco Enzo Ferrandino, anche quale massima autorità sanitaria del paese, un intervento ad horas affinché il recinto che ospita le oche venga immediatamente pulito e sanificato.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.