Quotidiano di informazione campano

IL VILLAGGIO DEI RAGAZZI SI PREPARA A RICORDARE DON SALVATORE D’ANGELO: A MAGGIO UN MESE INTERO DI EVENTI ED OSPITI

ARRIVA FRANCO ROBERTI, PROCURATORE NAZIONALE ANTIMAFIA. IL COMMISSARIO ALINERI: “UN RICORDO CONCRETO PER RAFFORZARE LA MEMORIA DI CHI CI HA LASCIATO UN’OPERA MERAVIGLIOSA. CONTINUIAMO A LAVORARE CON I FATTI, NON CON LE PAROLE....”

0

In occasione del 16° anniversario della dipartita di don Salvatore D’Angelo (30 maggio 2000 – 30 Maggio 2016), la Fondazione tutta si appresterà a ricordare la grande figura del suo Fondatore con una serie di iniziative. Saranno invitati a partecipare ad esse tutti coloro che hanno conosciuto l’Opera di don Salvatore e ne hanno apprezzato i frutti presenti tutt’oggi nell’Istituzione maddalonese. Nell’ambito di tali iniziative  il giorno 7 maggio si terrà la proiezione del film: “Solo Dio mi fermerà”. La  pellicola  sarà proiettata al Villaggio dei Ragazzi e la sua visione sarà aperta agli studenti del  biennio degli Istituti/Licei della Fondazione ed alla cittadinanza tutta che vorrà intervenire. Il giorno 30 Maggio, si terrà la celebrazione di una Santa Messa, mentre il 3 giugno,  sarà la volta dell’ incontro-dibattito tra il Procuratore Nazionale Antimafia, dott. Franco Roberti, e gli studenti del triennio che frequentano gli Istituti/Licei della Fondazione sul tema: “Libertà e legalità: un vincolo indissolubile”. Per fine Maggio, invece, è prevista la visita al “Villaggio” di Stefano Andreotti, terzogenito dell’ex-senatore a vita Giulio Andreotti. “E’nostra forte intenzione – afferma il Generale Giuseppe Alineri, Commissario Straordinario della Fondazione Villaggio dei Ragazzi – sottolineare con queste iniziative l’importanza della memoria di chi ha dedicato tutta la vita al sostegno materiale e  soprattutto spirituale dei più deboli e bisognosi”. “L’esempio offerto da don Salvatore D’Angelo – continua il Generale Alineri – acquista ancora più valore nell’attuale situazione di grave crisi economica e sociale. Il Suo ricordo, infatti, deve rappresentare per tutti uno stimolo per l’affermazione di un rinnovato corso fondato sulla solidarietà, sullo spirito di servizio e sull’orientamento al bene comune per la costruzione di un futuro migliore. Il modo più efficace per commemorare don Salvatore è dunque quello di operare diuturnamente ed in silenzio per la rinascita del Suo Villaggio. I veri amici del Villaggio sono, infatti, quelli che operano in silenzio e concretamente. Le opere si misurano con i numeri e non con le parole”. “Ricorderemo, dunque, don Salvatore – conclude Alineri – con affetto e gratitudine per aver lasciato a noi un’Opera in continua evoluzione, sempre più al servizio dei giovani e in grado di guardare al futuro anche attraverso i suoi insegnamenti che vivranno sempre in tutti noi”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.