Quotidiano di informazione campano

Immigrazione: percosso in Libia, ragazzo somalo di 15 anni muore dopo soccorsi nave Msf

Cronaca da radio piazza news

0

E’ morto per le percosse e i maltrattamenti subiti in Libia, dove era stato costretto a lavorare senza cibo né acqua, il ragazzo somalo deceduto ieri a bordo della nave Dignity di Medici senza frontiere. Lo hanno riferito alcuni dei 302 migranti soccorsi dall’imbarcazione di Msf. Il ragazzo, che aveva 15 anni, è morto in seguito a un arresto cardiocircolatorio provocato dalla condizioni critiche di salute causate dai maltrattamenti subiti.

Save the children, troppi minori vittime abusi – “Dalle testimonianze che raccogliamo ogni giorno nei porti dove sbarcano i migranti soccorsi nel Canale di Sicilia da parte di minori, spesso non accompagnati, abbiamo purtroppo la conferma di abusi e maltrattamenti di ogni tipo subiti in Libia prima della loro partenza”. Lo afferma Giovanna Di Benedetto, portavoce di Save the children, commentando la morte del ragazzo somalo deceduto a bordo della nave Dignity di Medici senza Frontiere in seguito alle percosse e ai maltrattamenti avvenuti in Libia, dove sarebbe stato costretto a lavorare senza cibo né acqua. “Purtroppo – osserva la portavoce dell’organizzazione – il caso di questo ragazzo somalo non è isolato. In questi mesi abbiamo ascoltato i racconti di tantissimi minori e tutti ci hanno parlato delle condizioni atroci in cui sono stati costretti a vivere, nei centri di detenzione libici o nei luoghi dove i trafficanti concentrano i migranti prima di imbarcarli. Proprio i minori e le donne sono vittime del numero maggiore di abusi, perché sono le persone più deboli e vulnerabili”.

Soccorsi 120 migranti al largo della Libia – Circa 120 migranti (di cui 2 bambini e 47 donne, delle quali 5 incinte), che si trovavano a bordo di un gommone a circa 40 miglia a nord delle coste libiche, sono stati soccorsi poco fa da due motovedette della Guardia costiera di Lampedusa che fanno parte dell’operazione Frontex. L’operazione è stata coordinata dalla Centrale operativa della Guardia Costiera di Roma, del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.