Quotidiano di informazione campano

IMPORTANTE – ex campo sportivo di nola: da campo dei sogno a discarica

0

Nel bene e nel male, Piazza DArmi è sempre stata il bigliettino di visita ufficiale di Nola. Si tratta di un enorme spazio nel cuore della città formato dalla suddetta piazza, dallex-campo sportivo e dagli scavi archeologici del castello aragonese.<?xml:namespace prefix = o ns = “urn:schemas-microsoft-com:office:office” />

 

Fino a metà del 900, Piazza DArmi era utilizzata dalla cavalleria reale come campo per le esercitazioni. Con la fine della monarchia, la piazza diventa meta dinterminabili partite di pallone tra ragazzini che lottano tra terriccio e porte immaginarie. Poi, nel 1992 arriva Papa Giovanni Paolo II in visita alla città e comincia il degrado della piazza. 

 

Lamministrazione comunale dellepoca decide di ricoprire tutta la spianata con unenorme colata di cemento per permettere a tutti di assistere alla funzione religiosa del Papa. Da quel momento in poi, nulla è stato più come prima. Piazza DArmi diventa poco a poco unenorme terra di nessuno, contesa tra prostitute e rapinatori. E con il degrado arrivano immancabilmente anche i rifiuti. 

 

Oggi, agli angoli e ai lati di questa enorme colata di cemento, è facile notare la presenza di rifiuti di ogni tipo accatastati e mischiati con la terra (!!). Linventario è quello classico e si va dalle tonnellate di talquale ai rifiuti differenziati, dai pannelli di compensato ai frigoriferi, dai televisori ai materassi, dai passeggini per bambini ai monitor. In pratica, un vero è proprio bazar della monnezza.

 

Ancor più scandalosa si presenta la situazione nellex-campo sportivo. Dopo il fallimento del Nola Calcio, nel 2003 le autorità locali deliberano la sostituzione della struttura sportiva con un ambizioso progetto: il Museo della Cartapesta.

 

I lavori cominciano effettivamente nel gennaio del 2010 ma non vengono mai portati a termine. Limpresa Marano, non vedendosi liquidato dal Comune il pagamento della seconda tranche di lavori (Sal), sospende ogni attività. Troppo tardi però perché nel frattempo il campo sportivo è stato già completamente sventrato e oggi si presenta come unenorme discarica di rifiuti speciali. 

 

Nascosto dagli sguardi indiscreti qualcuno ha pensato bene di accumulare nel vecchio campo rifiuti edili, solai, frigoriferi, decine di pneumatici, lavatrici, mattonelle rotte, vecchi macchinari, plastiche rotte, chili di polistirolo, scarti della lavorazione della cartapesta, amianto frantumato e bidoni di catrame bruciato. Se qui prima si correva, adesso a stento si cammina tra le montagne di rifiuti. E non veniteci a dire che quelli sono rifiuti da cantiere perché cosa ci azzeccano gomme, lavatrici, divani, frigoriferi e materassi con dei lavori mai completati ?

 

La nota positiva finale è rappresentata dagli scavi del castello di epoca aragonese. Rinvenuti nel 2007 dalla Soprintendenza Archeologica di Napoli, lo sapete che fine hanno fatto ? Completamente abbandonati e sopraffatti dai rifiuti. Quelli ovviamente di oggi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.