Quotidiano di informazione campano

Imprenditore scomparso, rilievi Ris nell’altoforno.

Domenica trovato morto Giuseppe Ghirardini. Ancora nessuna notizia dell'imprenditore

0

La Procura di Brescia ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di istigazione al suicidio in relazione alla morte di Giuseppe Ghirardini, l’operaio di Marcheno, scomparso mercoledì scorso e trovato cadavere ieri, sulle montagne intorno a Ponte di Legno (Brescia). Si tratta, è stato spiegato in ambienti giudiziari, di un’ipotesi tecnica, per consentire accertamenti quali l’autopsia che è stata eseguita il 19 ottobre mentre gli esiti si sapranno solo nei prossimi giorni.

‘MARIO ERA SERENO’ – “Mario era sereno quella sera e non ho visto movimenti strani in azienda”. Lo ha detto un operaio della fonderia Bresciana Bozzoli presente in azienda la sera della scomparsa dell’imprenditore Mario Bozzoli e collega di Giuseppe Ghirardini, altro dipendente trovato cadavere ieri nei boschi di Ponte di Legno, nel Bresciano. “La sera dell’8 ottobre, il giorno della scomparsa, Bozzoli mi aveva chiesto di non andare via alle 18, ma di aspettare le 19. L’ultima volta che l’ho visto era impegnato sul muletto” ha spiegato l’operaio, da 14 anni dipendente di Bozzoli. Sulla possibilità che l’imprenditore sia finito in uno dei forni dell’azienda, l’operaio ha detto: “Impossibile prendere un uomo della struttura fisica di Mario e buttarlo dentro il forno con facilità”.

Da domenica mattina alle 8.30, i militari del Ris dei carabinieri e l’anatomopatologa Cristina Cattaneo stanno effettuando un sopralluogo nella fabbrica di Marcheno (Brescia) dalla quale è scomparso, l’8 ottobre scorso, l’imprenditore Mario Bozzoli. Bozzoli era stato visto, quel giorno, da un suo dipendente, Giuseppe Ghirardini, che ieri è stato trovato morto nella Valle Camonica.

Il legale della famiglia di Mario Bozzoli, Patrizia Scalvi, ha intenzione di nominare un consulente affinché verifichi le caratteristiche tecniche del forno che si trova nell’azienda dalla quale l’imprenditore è scomparso l’8 ottobre scorso. A questo proposito, l’avvocato ha incontrato stamani il pm titolare delle indagini, Alberto Rossi. “E’ necessario avere i dati tecnici di quel forno”, ha detto il legale. “Bisogna capire – ha aggiunto l’avvocato – se quel forno possa essere aperto in presenza di alte temperature”. Patrizia Scalvi ha ribadito, infatti, che “tutto deve essere accaduto in quella fabbrica: sia che Bozzoli sia ancora lì, sia che sia stato portato via”. Da qui l’intenzione di nominare un consulente tecnico, probabilmente un ingegnere metallurgico, per verificare il funzionamento del forno dell’ azienda. Nel frattempo si è avuto conferma del fatto che il corpo di Giuseppe Ghirardini, l’operaio della Bozzoli, tra gli ultimi a vedere l’imprenditore vivo e che è stato trovato morto ieri sulle montagne di Ponte di Legno, dopo essere scomparso da mercoledì scorso da Marcheno, non presentava segni evidenti di violenza. L’autopsia dovrebbe svolgersi nelle prossime ore, al più tardi domani. 

MORTO OPERAIO, ERA TESTE CHIAVE

Patrizia Scalvi, l’avvocato che assiste la famiglia di Mario Bozzoli, l’imprenditore svanito nel nulla dalla sua fabbrica di Marcheno, nel Bresciano, l’8 ottobre scorso aveva lanciato un appello che aveva tutti i crismi del monito: “Chi ha visto o sentito qualcosa lo dica!”. Uno di quelli che certamente aveva visto Bozzoli per l’ultima volta, in abiti di lavoro, nel tardo pomeriggio dell’8 ottobre in fabbrica, l’operaio addetto ai forni Giuseppe Ghirardini, 50 anni, non potrà più farlo. Il suo cadavere, rannicchiato, quasi si stesse proteggendo dal freddo, è stato trovato a oltre cento chilometri dalla sua abitazione di Marcheno, da dove si era allontanato mercoledì, raccontando di dover partecipare a una battuta di caccia che non si sarebbe mai tenuta. L’uomo, la cui scomparsa era stata denunciata proprio mercoledì, è stato trovato accanto a un torrente, nella zona di Case di Viso, a 1600 metri di altezza, nella zona di Ponte di Legno. I segnali che questa vicenda sarebbe finita in tragedia, complicando ulteriormente il giallo della scomparsa di Bozzoli, già venerdì sera, quando la Suzuky Gran Vitara di Ghirardini era stata trovata a Ponte di Legno. Il suo cellulare aveva agganciato per l’ultima volta la cella del Passo di Crocedomini, nel pomeriggio di mercoledì, alle 14,30. Era proprio il giorno in cui avrebbe dovuto presentarsi ai carabinieri di Gardone Valtrompia per aggiungere particolari alla sua prima deposizione, in cui aveva raccontato come con altri due colleghi avesse visto Bozzoli per l’ultima volta. Quando lo hanno trovato, Ghirardini era vestito, con gli stivali ai piedi. Quando sono arrivati, i carabinieri di Brescia hanno provveduto a transennare la zona nei pressi del torrente Arcanello e atteso il medico legale e i militari del Ris di Parma. Il cadavere non presentava ferite evidenti e il sindaco di Marcheno, Diego Benussi, ha spiegato che, dalle sue informazioni, l’operaio sarebbe deceduto “per morte naturale, per un malore”. Sarà l’autopsia a chiarirlo, e nei pressi non sono state trovate armi o corpi contundenti. Così come nella Vitara non sono stati trovati reperti significativi. Gli esami tossicologici accerteranno se Ghirardini avesse assunto sostanze tali da causarne la morte, unite al freddo pungente. “Ogni dettaglio sarà utile – ribadisce l’avvocato Scalvi -: ogni volto più pallido del solito quel giorno in fabbrica, ogni frase sentita”. “La verità è in quella fabbrica”, è infatti la convinzione dell’avvocato, che ha chiesto il sequestro dell’azienda, ottenuto solo dopo alcuni giorni dalla sparizione di Bozzoli: l’attività dei forni è proseguita per qualche tempo dopo la scomparsa e questo certo non è stato un bene per le indagini e per chi doveva trovare tracce biologiche come il consulente della Procura di Brescia, Cristina Cattaneo, la stessa del caso Yara e di altri. Addosso all’addetto ai forni Ghiradini non sarebbero stati trovati biglietti o altro che possano spiegare le ragioni di quella spedizione insensata per le fredde e anguste valli bresciane. “E’ difficile non mettere in rapporto la sua morte con quanto è successo – ragiona l’avvocato Scalvi – ma il suo è stato un comportamento tutto da interpretare”. Come dire: l’operaio avrebbe avuto un ruolo nella sparizione di Bozzoli, oppure il dramma del suo datore di lavoro può avere sconvolto fino a quel punto Ghirardini, loquace con gli amici (“le sparava grosse quando parlava di caccia e di donne”, raccontano in paese) ma con la vita costellata di tragici lutti in famiglia e un matrimonio finito a pezzi con una donna brasiliana che gli aveva dato un figlio?

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.