Quotidiano di informazione campano

In Campania 4800 scuole sono a rischio sismico

0

Gli edifici scolastici in Campania esposti a un elevato rischio sismico sono 4.872; le scuole ad elevato rischio idrogeologico sono 1.017. Le strutture sanitarie ad elevato rischio sismico 271; quelli ad elevato rischio idrogeologico 56.

Lo si rileva da un’analisi del Centro studi Ance Salerno sulla base di dati Ance – Cresme, diffusi nello scorso settembre. In termini percentuali le scuole campane a rischio sismico rappresentano il 20,2% del totale nazionale; quelle a rischio idrogeologico il 16,3%. Per quanto riguarda le strutture sanitarie, invece, quelle a rischio sismico in Campania sono il 14,9% del totale nazionale; quelle a rischio idrogeologico sono il 10,2%. Allargando lo sguardo alle Regioni Obiettivo Convergenza (Campania, Calabria, Puglia e Sicilia), il totale degli edifici strategici (scuole e strutture sanitarie) a rischio sismico è pari a 14.624, il 56,5% del totale nazionale. Dal punto di vista del rischio idrogeologico, il totale degli edifici esposti è di 1.578 (23,2% del totale nazionale). In particolare le scuole a rischio sismico in Sicilia sono 4.894 (20,3% del totale nazionale), in Calabria 3.199 (13,3%), in Puglia 750 (3,1%). Per quanto riguarda le strutture sanitarie, in Sicilia sono 398 (21,8%), in Calabria 192 (10,5%), in Puglia 48 (2,6%).

Dal punto di vista idrogeologico le scuole a rischio in Sicilia sono 60 (1% del totale nazionale); in Calabria 250 (4%); in Puglia 164 (2,6%). Per quanto concerne le strutture sanitarie – sempre dal punto di vista idrogeologico – in Sicilia sono 5 (0,9%); in Calabria 15 (2,7%); in Puglia 11 (2%). Le strutture ad elevato rischio sismico (scuole e strutture sanitarie) sono 5.292 in Sicilia (20,4% del totale Italia); 3.391 in Calabria (13,1%); 798 in Puglia (3,1%). Sul versante del rischio idrogeologico il totale degli edifici (scuole e strutture sanitarie) è di 65 in Sicilia (1% sul totale Italia); 265 in Calabria (3,9%); 175 in Puglia (2,6%).

Lo scenario che emerge dall’analisi del Centro studi dell’Ance di Salerno sulla situazione degli edifici a rischio sismico e idrogeologico «conferma l’urgenza di attivare un piano di manutenzione straordinaria del territorio campano con l’obiettivo di mettere in sicurezza gli edifici sensibili come scuole ed ospedali, e più complessivamente eliminare il più possibile le cause strutturali di una condizione di generale rischio per una fetta molto ampia di popolazione»: lo afferma il presidente dell’Ance di Salerno, Antonio Lombardi.

«Ancora una volta – continua Lombardi – va evidenziata la necessità di accelerare gli iter burocratici ed amministrativi relativi alla spesa delle risorse già disponibili che, comunque, non sono adeguate alla portata degli interventi da realizzare. Nello stesso tempo, non è più rinviabile l’elaborazione di una strategia complessiva di intervento sul patrimonio scolastico, come più volte sottolineato in sede nazionale dall’Ance». «È appena il caso di ricordare – conclude Lombardi – che il fabbisogno di nuove scuole, in sostituzione di quelle usurate dal tempo, ammonta a circa 10.000 edifici. Nè è più possibile rinviare gli interventi di riqualificazione energetica e gli ampliamenti funzionali degli edifici esistenti».LA CITTA DI SALERNO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.