Quotidiano di informazione campano

IN SCIOPERO I LAVORATORI DELLA MENSA DELL’OSPEDALE “RIZZOLI” DI LACCO AMENO: RISCHIANO IL LICENZIAMENTO

0

Tra i lavoratori in lotta anche Domenico Savio che ha portato loro la solidarietà del PCIML e annunciato che nelle prossime ore invierà una nota al Prefetto e al Direttore generale dellASL Napoli 2 in cui chiederà con forza che i quindici lavoratori isolani non vengano licenziati così come prevede la legislazione nazionale sul lavoro.

di Gennaro Savio

Licenziamento in vista per i lavoratori che da anni garantiscono il servizio mensa presso lOspedale Rizzoli di Lacco Ameno sullisola dIschia. Infatti lappalto vinto dalla ditta che subentrerà alla Puliedil, non prevede il passaggio di cantiere. E così le quindici unità lavorative, alcune delle quali già umiliate da assurdi contratti part ime, al contrario di come prevede il contratto nazionale di lavoro e così come avvenuto sempre in passato, non passeranno alle dipendenze della nuova ditta ma saranno licenziati. Un colpo durissimo per chi in questo ospedale ci lavora da dieci, venti e persino trentanni. Rispetto al prospettato ben servito, le lavoratrici e i lavoratori in forza presso il refettorio ospedaliero, da stamattina hanno incrociato le braccia e sono in sciopero. Oggi scioperiamo ci ha ha dichiarato Nicola Iacono – perché i lavoratori del Rizzoli non sono tutelati dallarticolo venti della gara dappalto che non prevede il passaggio di cantiere al contrario di quanto previsto dal contratto nazionale. Attraverso il sindacato abbiamo mandato in merito più volte lettere al Direttore generale che non ci ha mai risposto. Ieri- ha concluso con lamaro in bocca Iacono i rappresentanti della nuova ditta già sono venuti e ci hanno detto di non volerci assumere.  Qui ci sono persone che lavorano anche da trentanni ci ha detto Luigi Dambra e ogni qualvolta cè un passaggio di cantiere rischiamo il posto di lavoro. La cosa importante da dire ha sottolineato DAmbra in ogni caso bisogna garantire sempre lo stesso servizio. Quindici anni fa quando cè stato lampliamento del Rizzoliè stato garantito un servizio mensa di tipo alberghiero che prevede un servizio completo, dalla scelta tra due primi e due secondi alla consegna dei pasti.  Noi oggi in quindici riusciamo a garantire questo servizio che certamente con una diminuzione del personale non potrà essere gestito allo stesso modo. Il grido di dolore più straziante lha lanciato Luisa Amato che esasperato ha dichiarato: Noi tutti abbiamo bisogno di lavorare, perché ognuno di noi ha una famiglia con i mariti che non lavorano perché disoccupati in quanto non cè lavoro. Presso lOspedale Anna Rizzoli si è recato anche Domenico Savio, Segretario generale del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista che ha portato ai lavoratori in lotta la solidarietà del suo Partito. Stamattina ha esordito Domenico Savio – come Segretario generale del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista sono qui a portare la solidarietà ai lavoratori della mensa del Rizzoli minacciati di licenziamento. Apprendo da questi lavoratori che lASL Napoli 2 nel rinnovare lappalto della mensa nelle nostre strutture sanitarie da un lato ha garantito la prosecuzione del lavoro ai lavoratori in forza allospedale di Pozzuoli e dallaltro lo ha negato ai dipendenti dellospedale di Ischia e di altre strutture. Questa scelta è grave, incomprensibile e intollerabile perché contro la legislazione nazionale sul lavoro. Evidentemente cè chi ha sbagliato e chi eventualmente ha sbagliato dovrà essere portato davanti ad un Tribunale della Repubblica per risponderne perché non si può mettere a rischio con tanta facilità il posto di lavoro di tantissimi lavoratori. Domenico Savio ha anche annunciato che nelle prossime ore invierà una nota al Prefetto e al Direttore generale dellASL Napoli 2 in cui chiederà con forza che i quindici lavoratori isolani non vengano licenziati.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.