Quotidiano di informazione campano

Inchiesta Mose, ritratto dei protagonisti

0

Giancarlo Galan, il re sole del Veneto

Lo chiamano anche il Colosso di Godi, per dire della sua capacità di godersi la vita. Libertario, esponente del partito liberale veneto assieme a Niccolò Ghedini, prima di diventare manager di Publitalia, e infine dirigente di Forza Italia, tre volte governatore del Veneto e ministro. Giancarlo Galan non doveva nemmeno candidarsi a governatore nel 1995, ma riuscì a emarginare gli avversari e a convincere Silvio Berlusconi da poco entrato in politica.
LA STAFFETTA CON ZAIA NEL 2010. Galan ha esercitato sul Veneto un potere indiscusso, grazie soprattutto al sostegno di Lia Sartori, che per anni ne è stata la più fidata consigliera. Nel 2008, non a caso, si è autoproclamato Re Sole, con un libro intervista dal titolo eloquente: Il Nord Est sono io. Nel 2010, lasciò a malincuore la poltrona di Palazzo Balbi al leghista Luca Zaia, che venne sostituito al ministero dell’Agricoltura durante l’ultimo governo Berlusconi proprio dall’ex governatore: una staffetta che a Galan sembra non essere mai andata molto a genio. 
Il suo è stato il regno delle grandi opere e delle relazioni d’acciaio, anzi di cemento, tra impresa e politica. Oggi è stato chiesto il suo arresto con l’accusa di corruzione. Gli atti ora devono essere tramessi alla Camera, che ha il compito di valutare se dare lok al fermo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.