Quotidiano di informazione campano

Incidente Roma, fermati i due fuggitivi

Erano in un nascondiglio nei cespigli, a indicarlo è stata la madre. Quando sono stati bloccati, sono scoppiati a piangere

0

Sono stati catturati dalla polizia i due ragazzi ricercati per l’incidente avvenuto la scorsa settimana alla periferia di Roma dove ha perso la vita una donna filippina e 8 persone sono rimaste ferite. I due hanno 17 e di 19 anni, sono stati rintracciati questa mattina dalla squadra mobile. “Il primo – afferma il ministro dell’Interno Alfano – sembra fosse alla guida”.  Rischiano l’accusa di omicidio volontario. Nel corso dell’atto istruttorio svoltosi negli uffici della questura, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere alle domande dei pm.

La sorella dei fuggitivi sostiene che sia stata la madre ad avvertire la polizia dopo aver rintracciato i figli che da 5 giorni si nascondevano in un rifugio tra i cespugli in un campo vicino ad una scuola del quartiere”.  La ragazza a nome della famiglia ha anche espresso la volontà di “incontrare i parenti della vittima per chiedergli scusa.Vogliamo fare le nostre condoglianze chiedendo loro perdono“.

Nell’auto pirata gli investigatori hanno trovato un cellulare usato dal 17enne: gli agenti sono sicuri che quella sera al volante ci fosse il diciassettenne, e che la macchina fosse usata abitualmente dal ragazzo.

Per l’incidente è già in carcere una 17enne, moglie del minorenne preso oggi, che deve rispondere di concorso in omicidio volontario. Da subito le indagini hanno puntato ad una coppia di ragazzi che erano in auto \con la minorenne presa subito dopo lo schianto. Uno dei due è il marito della ragazzina arrestata. La coppia ha un figlio di 10 mesi.

 Il sindaco di Roma Ignazio Marino annuncia che il Campidoglio si costituirà parte civile nel processo: “Chi vive al di fuori della legge non può trovare spazio nella nostra città e nel nostro Paese”.

I funerali di Corazon Abordo, la donna di nazionalità filippina falciata dall’auto, si terranno probabilmente sabato in una chiesa in zona Cornelia-Battistini. Lo riferisce l’avvocato della famiglia di Corazon Valentina Chianello. Sarà una ‘pre-cerimonia’ perché la salma subito dopo sarà trasferita all’aeroporto di Fiumicino da dove partirà con destinazione Filippine. Lì si terranno le esequie alla presenza dei genitori e di tutti i familiari di Corazon. Le esequie e l’espatrio della salma saranno pagati dal Campidoglio.

“Meno male che li hanno catturati – commenta la famiglia di Corazon – ma non finisce qui. Vogliamo giustizia. Il governo e il sindaco deve fare qualcosa per la sicurezza di tutti i cittadini” hanno aggiunto. CRONACA RADIO PIAZZA NEWS

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.