Quotidiano di informazione campano

Inghilterra: il pane contiene glifosato

GENNARO ESPOSITO COMUNICATO STAMPA ISDE MEDICI PER L'AMBIENTE CAMPANIA DEL 20 LUGLIO 2015

0

Tre mesi fa, l’Agenzia dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), ha concluso che il ‘glifosato è probabilmente cancerogena per l’uomo’. I pericoli di recente riconosciuti del glifosato sono maggiori in un contesto di grande uso nel Regno Unito – non solo in agricoltura, ma anche nei parchi pubblici e le altre aree urbane dove viene utilizzato per uccidere le erbacce.

Il 15 luglio, nuovi dati sono stati rilasciati dalla Soil Association in un briefing scientifico a Londra che mostra l’uso del glifosato in agricoltura Regno Unito è aumentato del 400% negli ultimi 20 anni ed è uno dei tre pesticidi regolarmente trovato nei test di routine del pane britannico – che appare nel 30% dei campioni analizzati dal comitato Defra sui residui di pesticidi negli alimenti (PRIF).

La Soil Association è ora chiede un divieto del Regno Unito l’uso del glifosato spruzzato su frumento britannico come un erbicida di pre-raccolta e il suo utilizzo per uccidere il raccolto a maturare più velocemente.

Il comitato scientifico ha incluso il professor Christopher Portier, uno dei co-autori dello IARC che ha determinato lo status di glifosato come probabile cancerogeno, che ha ribadito le conclusioni della IARC, e ha detto: “Il glifosato è sicuramente genotossico. Non vi è alcun dubbio nella mia mente “.

Abbiamo anche sentito dal dottor Robin Mesnage del Dipartimento di Medicina e Genetica Molecolare presso il Kings College di Londra, che ha rivelato nuova analisi dei dati sul Round Up, la marca più comune di erbicidi a base di glifosato, è 1.000 volte più tossico del glifosato da solo a causa del inlusione di altre sostanze chimiche tossiche nel suo mix.

Infine, Claire Robinson, un redattore GMWatch.org ha dato la prospettiva internazionale guardando le azioni intraprese dagli altri paesi per vietare il glifosato; “Al di fuori del Regno Unito, la reazione al rapporto dell’OMS IARC è stata drammatica. Alcuni rivenditori in Svizzera e in Germania lo hanno rimosso  e la Francia è impegnata a farlo entro il 2018 e gli stati tedeschi chiedono un divieto su scala comunitaria. L’Autorità danese per l’ambiente di lavoro ha dichiarato come cancerogeno e El Salvador e Sri Lanka hanno vietato e il governo Colombia ha vietato l’irrorazione aerea delle colture di coca “.

Peter Melchett, Soil Association direttore della politica, ha detto; “Se il glifosato finisce nel pane è impossibile per le persone al fine di evitare che, a meno che non stanno mangiando biologico. D’altra parte, gli agricoltori potrebbero facilmente scegliere di non utilizzare glifosato come spray su colture di grano – poco prima che siano raccolte. Per questo motivo la Soil Association chiede la cessazione immediata dell’utilizzo di spray glifosate frumento destinati all’utilizzo in pane.

“Abbiamo sentito oggi che non dobbiamo fare affidamento su di regolamentazione per proteggere la nostra salute, la battaglia sarà vinta dai consumatori assicurando rivenditori e produttori di pane insistono i loro prodotti non contengono glifosato. Anche se le quantità trovate sono sotto il livello ufficiale di sicurezza, tale limite è stato concordato prima le più recenti scoperte scientifiche sui pericoli del glifosato. La stagione irrorazione glifosato inizia ora, e nell’interesse della salute umana e la qualità del pane britannico, il governo deve porre fine alla polverizzazione prima del suo inizio “.

Il professor Portier, il dottor Mesnage e Claire Robinson stavano parlando ad una conferenza scientifica Soil Association a Westminster il 15 luglio – RADIO PIAZZA NEWS

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.