Quotidiano di informazione campano

INIZIATA PER META’ LA PULIZIA DI VIA CAMPAGNANO, ORA I CITTADINI IN ATTESA DI INCONTRARE GLI AMMINISTRATORI COMUNALI, CHIEDONO CHE VENGANO IMMEDIATAMENTE ABBASSATE LA RAMPE DI ACCESSO AL “PONTE” REALIZZATO SUL PUNTO DELLA FRANA E, SOPRATTUTTO, L’IMMEDIATA MESSA IN SICUREZZA DEL MURAGLIONE PROSPICIENTE

Gennaro SavioSarà anche chiesta la collocazione di apposita cartellonistica per evitare che sul “ponte” provvisorio salga più di un auto e per segnalarne la presenza

0

Così come sosteniamo instancabilmente da sempre “la lotta prima o poi paga” e l’impegno attivo dei cittadini nel chiedere ed ottenere il rispetto dei propri diritti sociali, nel tempo dà sempre buoni risultati. E così in via Campagnano, il giorno dopo che i residenti della zona hanno presidiato al Consiglio comunale per chiedere la messa in sicurezza della propria strada, quasi per magia e dopo anni di assenza, il Comune ha mandato gli operai di Ischia Ambiente a rimuovere erbacce e rifiuti che facevano brutta e triste mostra di se un po’ ovunque. L’intervento, però, come possiamo vedere dalle foto pubblicate, al momento ha interessato solo il tratto iniziale della strada mentre per la restante parte che porta a monte, l’augurio è che si provveda nei prossimi giorni  così come hanno garantito gli stessi amministratori comunali in quanto è a dir poco un’indecenza che una delle arterie stradali più belle e panoramiche dell’isola d’Ischia risulti essere un vero e proprio immondezzaio. Intanto i cittadini che sono in attesa di essere convocati dall’Amministrazione comunale e che in questi giorni si sono riuniti numerosi per fare il punto della situazione, chiedono l’immediata messa in opera degli interventi che circa dieci giorni fa in Consiglio comunale erano stati promessi dagli esponenti della maggioranza. E cioè la pulizia di tutta la strada e l’abbassamento del livello delle rampe di accesso al “ponte” di legno costruito proprio nel punto in cui si è verificato lo smottamento. Infatti al momento le macchine con la carrozzeria bassa non possono proprio passare e sono chiuse nei garage, mentre per le altre auto basta avere un passeggero in più a bordo per toccare la pedana con la base della carrozzeria.  Ma non è tutto. Infatti nell’incontro con i cittadini è emersa la necessità della collocazione di una specifica cartellonistica che all’ingresso della strada e nella sua prossimità indichi la presenza del “ponte” di legno e dunque il restringimento della già stretta carreggiata e, in punto di accesso delle rampe, la presenza di un cartello che imponga l’accesso di un’auto alla volta e questo per evitare che la struttura possa avere un eccessivo carico

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.