Quotidiano di informazione campano

Intercettazioni: Legnini, divulgazione mette a rischio il prestigio dei pm

Con divulgazioni colloqui su terzi e vita privata non indagati. Csm studia linee-guida

0

La divulgazione di conversazioni ‘rubate’ può ledere il prestigio dei pm. Parola del vice presidente del Csm Giovanni Legnini che lo ha sottolineato a margine dell’incontro con i Procuratori generali, organizzato dalla Procura Generale della Corte di Cassazione. “Le frequenti indebite divulgazioni di conversazioni estranee ai temi d’indagine e relative alla vita privata di cittadini spesso neanche indagati – ha evidenziato – rischiano di compromettere il prestigio e l’immagine dei titolari dell’azione penale e della polizia giudiziaria”.

Non solo. Legnini ha annunciato che il Csm è al lavoro su una serie di linee-guida su questo strumento di indagine. Il Csm – ha spiegato – è al lavoro per la definizione di linee guida in materia di intercettazioni. “La Settima Commissione, su impulso del Comitato di Presidenza, dopo aver acquisito le circolari adottate dalle Procure di Roma, Torino e Napoli – ha spiegato Legnini – ha già avviato il lavoro di definizione delle linee guida sul delicato tema delle intercettazioni telefoniche. L’obiettivo è quello di valorizzare le positive ed innovative misure organizzative adottate dai Procuratori Pignatone, Spataro e Colangelo, portandole a sintesi ed eventualmente integrandole con i contributi della Commissione consiliare e dell’intero CSM”.

“Se quelle misure adottate sono utili a realizzare il rispetto dei valori costituzionali coinvolti, prosegue Legnini, non vi è ragione di sottrarsi al dovere di mettere a disposizione di tutti gli uffici di Procura un atto di autoregolamentazione uniforme cui ciascun Procuratore Capo e ciascun magistrato inquirente potrà attenersi o ispirarsi”. Tale intento del CSM, ha proseguito Legnini “non può e non deve invadere l’esercizio del potere proprio dei Capi delle Procure, che, anzi va salvaguardato e valorizzato, ma il Consiglio, non può sottrarsi al dovere di contribuire a definire buone prassi applicative per tentare di individuare un possibile equilibrio tra l’impiego dell’irrinunciabile strumento investigativo delle intercettazioni e i valori costituzionali sottesi al diritto alla riservatezza, ad una corretta informazione e al diritto di difesa”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.