Quotidiano di informazione campano

INTERVISTA A NINO FRASSICA

0

1.   Ha nel suo passato tantissime esperienza sia al cinema che in televisione. Cosa l affascina di più?<?xml:namespace prefix = o ns = “urn:schemas-microsoft-com:office:office” />

Diciamo che sono due godurie diverse. In televisione si può esagerare, cè il varietà, non cè limite, mentre il cinema è una goduria più misurata, va fatto in un altro modo. A me personalmente piacciono entrambe. È come chiedermi se preferisco la pasta o la pizza non si può scegliere!

 

2.   Negli ultimi anni ha legato la sua immagine alla serie tv Don Matteo. Quali sono secondo lei i segreti del successo di questa serie?

Io credo che il successo sia dovuto dal fatto che nella stessa serie siano state inserite le due divise che lo spettatore italiano ama di più: la tonaca del prete e la divisa del carabiniere. E quindi, essendo Terence un buon prete ed io un buon carabiniere piacciamo alla gente. Credo sia questo il motivo.

 

3.   Tra qualche settimana sarà in tv con Casa e Bottega. Può raccontarci qualcosa di questa serie?

È una bellissima storia, con Renato Pozzetto protagonista, a tratti anche drammatica, con dei momenti di commedia. Io sono sempre al suo fianco. Raccontiamo una storia italiana ed attuale, è unoperazione che a me è piaciuta molto e spero piaccia molto anche al pubblico.

 

4.   Può raccontarci qualcosa del suo personaggio.

Io sono il cognato di Renato. Praticamente vivo in casa sua, e lavoro insieme a lui, anche se in realtà non faccio nulla. Sono praticamente il suo autista ma senza patente. Ricoprirò un ruolo fondamentale nel dramma di Renato perché sarò sempre al suo fianco. Diciamo che ho quella saggezza tipica di che è nullafacente.

 

 

5.   Come è stato lavorare insieme a Renato Pozzetto?

Un sogno che si è realizzato. Io da sempre sono un suo ammiratore ed avere la possibilità e lopportunità di lavorarci accanto è stato un qualcosa di incredibilmente stupendo.

 

6.   Programmi futuri?

Ora cè Casa e Bottega e nel frattempo continuo a condurre in radio Meno male che cè radio 2.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.