Quotidiano di informazione campano

ISCHIA: A CASALAURO FIOCCANO LE MULTE MA DA DUE ANNI NON VIENE RIMOSSO IL PERICOLOSO MONCONE DEL

GENNARO SAVIO PER RADIO PIAZZA NEWSISCHIA: A CASALAURO FIOCCANO LE MULTE MA DA DUE ANNI NON VIENE RIMOSSO IL PERICOLOSO MONCONE DEL TRONCO DEL LECCIO ABBATTUTO E DA DUE GIORNI NELLA CURVA DELL’INCROCIO CON VIA CARTAROMANA E’ PERICOLOSAMENTE PARCHEGGIATA UNA GROSSA SCARIFICATRICE

0

In via Antonio De Luca, la strada che a Ischia Ponte attraversa Casalauro tanto per intenderci, negli ultimi mesi fioccano quotidianamente le multe per i cittadini che parcheggiano in divieto di sosta. E sin qui nulla di anomalo se teniamo conto che in zona vige il divieto di sosta. Bisogna però subito sottolineare che in ampi tratti di questa strada, cosi’ come sono stati giustamente ricavati dei posti per gli invalidi, si potrebbero sicuramente creare parecchi posti auto con l’istituzione di strisce bianche nei punti meno stretti e questo per venire incontro alle esigenze di parcheggio dei residenti visto che in zona i posti auto già scarsissimi, negli ultimi giorni, con la creazione del marciapiede in via Cartaromana, sono stati ulteriormente ridotti. Utilizziamo il condizionale perché, evidentemente, l’Amministrazione comunale manca della necessaria volontà politica per creare dei posti auto gratuiti. E’ vero che a volte l’inciviltà di taluni automobilisti raggiunge limiti assurdi visto che si parcheggia persino in curva o dove la strada e strettissima e questo potrebbe persino intralciare il passaggio dei mezzi di soccorso, ma l’istituzione  di posti auto ben delimitati regolamenterebbe la sosta, andrebbe incontro alle esigenze di parcheggio dei residenti e al tempo scoraggerebbe la sosta selvaggia e pericolosa.

Ma quello che ci ha spinti ad interessarci di Casalauro è il fatto che molti cittadini ci hanno fatto notare che mentre l’Amministrazione è impegnata quotidianamente a sanzionare le auto in sosta vietata, nonostante le lamentele di molti, nessun amministratore comunale  ha notato e   fatto ancora rimuovere la parte di tronco rimasta ancorata nel selciato del leccio secolare  abbattuto più di due anni fa. Eppure rappresenta un grave pericolo per l’incolumità di pedoni, automobilisti e scooteristi che attraversano la strada: assurdo! Sindaco Giosi Ferrandino e amministratori comunali, cosa si aspetta a rimuoverlo? Aspettiamo che ci scappi prima l’incidente? Ma non è tutto. Infatti negli ultimi due giorni si è verificata una nuova anomalia. A pochissimi metri di distanza da via Antonio De Luca, e precisamente nella curva dell’incrocio di via Cartaromana, è parcheggiata una grossa scarificatrice, macchina da lavoro utilizzata per grattare le strade prima che queste vengano asfaltate. La cosa incredibile è che le macchine che sopraggiungono dal porto, a causa della presenza di questo grosso mezzo, per immettersi in via Cartaromana sono costrette ad invadere la corsia opposta, cosi’ come possiamo vedere dalle immagini che scorrono in sovraimpressione e registrate nella serata del 13 aprile 2o16, con tutte le gravi conseguenze che questo potrebbe comportare: da non credere!!! “Perché mentre le nostre piccole utilitarie vengono multate, questo ‘carrarmato’ sosta su di un incrocio?” si domandavano stupiti stamattina molti concittadini la cui domanda la giriamo pubblicamente ai rappresentanti delle Istituzioni competenti. Intanto l’augurio è che in via Antonio De Luca venga immediatamente rimossa la parte di tronco del leccio secolare  rimasta nel selciato  e si provveda, laddove sia possibile, a creare dei posti auto per i residenti.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.