Quotidiano di informazione campano

Un italiano su 4 a rischio poverta’. Meta’ delle famiglie vive con 2.000 euro

STA PER ARRIVARE UN ALTRO TRISTE NATALE,RADIO PIAZZA NEWS

0

Un italiano su quattro, precisamente il 28,4% della popolazione, e’ a rischio poverta’ o esclusione sociale. Il dato, contenuto in un report dell’Istat, e’ riferito al 2013 ed e’ derivato dalla combinazione della grave deprivazione materiale e della bassa intensita’ di lavoro e corrisponde alla quota di popolazione che sperimenta almeno una di queste due condizioni. Nel frattempo, si riduce il reddito medio disponibile: nel 2012, il 50% delle famiglie residenti in Italia ha percepito un reddito non superiore a 24.215 euro (2.017 euro al mese). Redditi medi piu’ elevati si osservano per le famiglie settentrionali; quelle che vivono nel Centro e nel Mezzogiorno mostrano livelli pari, rispettivamente, al 96% e al 74% di quello delle famiglie residenti al Nord. Nonostante l’erosione dei redditi e la morsa della crisi che non accenna ad allentarsi, aumenta la fiducia degli italiani sul prorio futuro, almeno secondo quanto emerge da un’indagine realizzata dall’Acri insieme a Ipsos in occasione della 90esima Giornata Mondiale del Risparmio. Dopo un anno terribile come il 2013, emergono segnali di maggior fiducia malgrado gli italiani pensino che la crisi sia profonda (e’ molto grave per l’87%) e lunga, con un orizzonte temporale che sfiora il 2020. Sempre secondo il sondaggio, la meta’ degli italiani e’ soddisfatta della propria condizione economica mentre si contrae un po’ il numero di famiglie colpite direttamente dalla crisi (dal 30% al 27%). Le famiglie che hanno registrato un serio peggioramento del proprio tenore di vita negli ultimi 2/3 anni sono il 23% contro il 26% del 2013; sono il 46% (sostanzialmente in linea col 47% del 2012) coloro che hanno dovuto fare attenzione per mantenere il proprio tenore di vita; mentre raggiungono il 27% (contro il 25% dello scorso anno) coloro che lo hanno mantenuto con facilita’.
Ma vedere la vita con ottimismo non basta. L’indagine evidenzia anche che attualmente una famiglia su 4 (il 25%, in crescita rispetto al 2013) non riuscirebbe a far fronte a una spesa imprevista di 1.000 euro con risorse proprie. Se la spesa imprevista fosse maggiore, 10.000 euro (ossia un furto d’auto, una complessa operazione dentistica, la sistemazione di un tetto o una cartella esattoriale non attesa), potrebbe farvi fronte con le sole proprie forze poco piu’ di 1 famiglia su 3 (il 37%, in crescita di 6 punti percentuali rispetto al 2013).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.